Belgio: tre città da non perdere per una vacanza indimenticabile

Siamo da poco rientrati dalla nostra vacanza in Belgio. Abbiamo compiuto un on the road di due settimane che ci ha portato a visitare zone che già conoscevamo da viaggi precedenti, ma anche località a noi sconosciute, fuori dai soliti percorsi turistici che ci hanno letteralmente entusiasmato.

Il Belgio, diviso tra Fiadre e Vallonia, regala due paesaggi molto diversi. Le Fiandre sono formate da un paesaggio pianeggiante che offre splendide possibilità di escursioni in bicicletta e bellissime città d'arte, mentre la Vallonia si presenta collinare e boschiva, con piccoli paesi rurali davvero caratteristici.

Abbiamo scelto per voi tre città che non possono mancare durante una vacanza in Belgio, tre città molto diverse fra loro, tre città interessanti sotto tre diversi punti di vista: Anversa, Mechelen e Mons. Tre città che non sempre vengono annoverate tra le prime città da non perdere in Belgio ma che, siamo sicuri, vi stupiranno.

 Anversa

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

La prima volta che abbiamo visitato la città con il secondo porto più grande d'Europa, celebre per il suo commercio di diamanti, non ne siamo rimasti "folgorati". Il motivo principale è che le abbiamo dedicato troppo poco tempo e la sua bellezza non ha avuto il tempo necessario per fare breccia. Poi recentemente io (Luca) sono ritornato per un paio di giorni, in cui ho passeggiato tra le sue vie alla scoperta dei suoi angoli caratteristici, delle botteghe dei suoi mastri cioccolatai (quel folle di Dominique Persoone su tutti!), delle piccole piazze in cui si svolgono i mercatini dell'antiquariato ( come quello che si svolge ogni venerdì in Vrijdagmarkt letteralmente "Il mercato del venerdì") e dei giardini nascosti all'interno di sontuosi palazzi.

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Certo poi c'è la classica Anversa, quella di Rubens e della Grote Markt, quella del Palazzo del Municipio e della Cattedrale di Nostra Signora, quella delle boutique e della sua celebre Accademia della Moda. Ma Anversa il cuore me l'ha conquistato con il suo fascino discreto, lentamente, senza effetti speciali. Il mio consiglio? Visitatela senza fretta, senza guardare in maniera ossessiva la vostra guida, anzi, guardatela pure come volete ma ricordatevi ad un certo momento di chiuderla, metterla in tasca e assaporarvi la città, lentamente, come fosse una pralina di cioccolato o una birra trappista. A proposito di birra: se siete neofiti o grandi esperti non potete perdervi assolutamente il Kulminator, locale di fama mondiale, in cui troverete i due anziani proprietari proporvi una scelta pressoché infinita di birre in bottiglia!

Mechelen

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Per una settimana abbiamo soggiornato in una abitazione in un piccolo paesino alle porte di Anversa. A pochi chilometri, in direzione Bruxelles, ci siamo letteralmente imbattuti in Mechelen e abbiamo deciso di visitarla. Probabilmente è stata la sorpresa più grande e inaspettata che le Fiandre e il Belgio ci abbiano mai regalato: una piccola cittadina,lontana dai percorsi turistici più battuti, costituita da splendide abitazione in tipico stile fiammingo sulle quali svetta imperioso il campanile del duomo (mai terminato).

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Oltre all'aspetto architettonico ha grande importanza quello culinario, riscontrabile nella presenza di numerose botteghe (quelle di formaggio su tutte) e di Het Anker, uno dei migliori e più famosi birrifici delle Fiandre e dell'intero Belgio.

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Insomma Mechelen è una splendida cittadina in cui trascorrere una piacevole giornata passeggiando tra i suoi quartieri storici per poi sedersi ad una brasserie davanti ad un tagliere di formaggi e un bicchiere di Gouden Carolus.

Mons

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Eletta a Capitale della Cultura Europea per il 2015 Mons stupisce per la sua energia grazie agli eventi culturali che coinvolgono i suoi visitatori ogni giorno (per maggiori informazioni www.mons2015.eu). La città ha, inoltre, un passato di storia ammaliante, da non perdere la Grand Place, il Municipio, il  Tesoro della Collegiata Siante-Waudru e il Beffroi, la meravigliosa torre campanaria dichiarata Patrimonio UNESCO e da cui si gode una vista mozzafiato sulla città.

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Belgio: tre città da non perdere
Belgio: tre città da non perdere

Come viaggiare in Belgio

Il Belgio si raggiunge in dieci ore di viaggio in auto dal Nord Italia oppure tramite volo dalle principali città italiane. Muoversi in Belgio è molto facile grazie all'efficiente rete ferroviaria. Vi consigliamo di acquistare il rail pass, un biglietto ferroviario da dieci corse. Le città sono tutte molto vicine fra loro e gli spostamenti non dureranno più di due ore. Per poter visitare i dintorni delle città è meglio disporre di un proprio mezzo soprattutto se siete interessati ad un tour legato alla birra artigianale e alla scoperta dei suoi famosi birrifici.