Blog Tour in Giordania: il Tesoro di Petra… e non solo #VolagratisjN

Petra non é solo Tesoro, lo sapevate? Il sito archeologico che vanta una delle costruzioni inserite per la loro magnificenza tra le 7 meraviglie del mondo moderno é questo e molto altro. Inizierete la visita partendo da una stradina acciottolata e a tratti sabbiosa proprio come abbiamo fatto noi. Verrete esortati a salire a bordo di cavalli, asini e cammelli da uomini misteriosi con gli occhi accentuati dall'henné e camminerete a testa in su nel Siq per ammirare le mille e più sfumature di rosa che compongono le rocce di arenaria. Proprio come abbiamo fatto noi. Poi arriverete in fondo con l'entusiasmo di un bambino e proprio li, piccoli come formiche, in mezzo a quelle pareti che se potessero parlare racconterebbero di quanta gente é passata mostrando il proprio stupore e lo vedrete, il tanto atteso tesoro che sembra anche un po' tirarsela e che gioca a nascondino da dietro alle rocce. Perdeteci del tempo per osservarlo ma considerate anche tutto il resto del sito perché il tesoro, cioè la tomba del Re Nastro Aretas III, sarà ancora più bello al vostro ritorno, con la luce del tramonto. Proseguendo potrete fermarvi ad ammirare il Teatro e le varie tombe sparse in giro, alcune delle quali davvero di straordinaria bellezza. Uno dei punti più suggestivi é sicuramente la vista di cui si può godere una volta saliti gli 800 gradini che portano al Monastero di Petra.
Monastero di Petra
Monastero di Petra
Prendete forza ed andateci a piedi, oppure salite a bordo di un asino e fatevi trasportare per qualche dinaro. Una volta arrivati sentirete il sibilo del vento, potrete sedervi su qualche masso ed ascoltare un pifferaio che suona; il suo mulo si riposa all'ombra di un albero e ai vostri piedi avrete tutta Petra e anche molto più. Ed è proprio in cima alla collina da dove si può osservare la maestosità di Petra che Sara di Viaggio AnimaMente ci espone le sue impressioni: