Brasile: un itinerario di 10 giorni

Elisa e Luca ci portano a scoprire il Brasile in un itinerario di dieci giorni. Per assaporare al meglio le bellezze e il fascino di questo paese. 

Primo giorno: Pan di Zucchero

Dopo il lungo volo dall'Italia non c'è tempo da perdere, lanciamoci alla scoperta di questa meravigliosa città. Conosciamola nella sua immensa bellezza dall'alto del Pan di Zucchero, il morros carioca (le colline di granito ricoperte da vegetazione tropicale che circondano Rio) più famoso al mondo. I più temerari potranno compiere parte della salita a piedi, per gli altri c'è la possibilità di prendere la funivia da Praia Vermelha.

Brasile

Secondo giorno: Corcovado

La giornata comincia con la visita della città, al Parque de Flamengo e alla Cattedrale Metropolitana  fino al quartiere di Cinelandia, con il Teatro Municipale, la Biblioteca Nazionale e il Palazzo dell'Assemblea.

Per raggiugnere il Cristo Redentore, famoso simbolo di Rio de Janeiro, si prende il trem de Corcovado, una cremagliera che si inerpica per la foresta di Tijuca fino a raggiugnere la cima da cui si gode una delle più belle viste sulla città.

E' fondamentale che queste due prime visite vengano fatte in giornate con cielo limpido e un bel clima per poter avere una visuale perfetta. Se potete andate al Corcovado o al Pan di Zucchero nell'ora che precede il tramonto.

Terzo giorno: Ipanema e Copacabana

Il secondo giorno dedicatelo alle interminabili e famose spiagge bianche circondate dai morros e dai grattacieli di Copacabana e Ipanema. Attenzione a cimentarvi in una partita di calcio perché anche dietro ad un innocuo ragazzino può celarsi un grande giocatore, forse è meglio dedicarsi allo sport più in voga qui: oziare al sole.

Brasile

Quarto giorno: Foz de Iguazù

Non lasciate Rio senza aver visitato il Jardin Botanico poi dirigetevi all'areoporto per un volo diretto a Foz de Iguazù dove potrete ammirare le bellissime cascate che si trovano al confine fra Brasile, Argentina e Paraguay.

Quinto giorno: Cascate de Iguazù

Il modo migliore per apprezzare le cascate de Iguazù è una gita in elicottero o in barca che permette di vederle da una angolazione molto particolare. Il momento più adatto in cui visitarle sono i mesi di dicembre e gennaio quando il volume dell'acqua è maggiore. Le cascate possono essere ammirate sia dal lato brasiliano che da quello argentino. Dal lato brasiliano sono alte da un minimo di 51 ad un massimo di 84 metri.

Iguazu Falls

Sesto giorno: Salvador de Bahia

Nuovo aereo e nuova parte del paese da conoscere, direzione Salvador de Bahia. Primo approccio della città dal Farol da Barra, eretto nel XVII secolo, dove le acque della baia "todos os santos", lasciano spazio all'Oceano Atlantico.

Sesto giorno: Salvador de Bahia

Il secondo giorno a Salvador dedicatelo alla visita del Pelurinho, il centro storico della città, nonché il maggiore e meglio preservato complesso architettonico delle Americhe, dichiarato patrimonio dell'umanità dall'Unesco. Cercate di fare in modo di essere al Pelurinho di martedì quando si infiamma di musica e si può assistere a concerti e cortei musicali ad ogni angolo.

Settimo giorno: Morro de Sao Paolo

Di nuovo in partenza ma questa volta verso il Morro de Sao Paolo. Per raggiungere questa meravigliosa isola tropicale vi consigliamo di prendere il catamarano che è il più veloce e stabile. Morro è un vero paradiso percorribile solo a piedi tant'è che al vostro arrivo troverete dei facchini con delle cariole che potranno aiutarvi a raggiugnere la vostra posada portandovi le valigie.

Ottavo giorno: Morro de Sao Paolo

Il secondo giorno a Morro dedicatelo al relax e alle sue bellissime spiagge. Le più belle sono la spiaggia 2, la preferita dai brasiliani e la spiaggia 4 la più caratteristica con sabbia bianca, palme e mangrovie. Non perdetevi un aperitivo al tramonto a Toca do Morcego.

Nono giorno: Salvador de Bahia

Giornata dedicata a Prahia do Forte, ad appena cinquanta chilometri dall'aeroporto di Bahia, un tempo villaggio di pescatori oggi è un importante centro balneare dove tradizione e modernità si mescolano. Se capitate qui tra ottobre e novembre non perdetevi "Agitam vida cultural" un festival che mescola musica jazz a buon cibo tradizionale.

Prahia

Decimo giorno: Italia

Come tutte le cose belle anche questa deve finire. Se nel vostro itinerario avete qualche giorno in più da dedicare al Brasile vi consigliamo di non perdervi Jericocoara e i Lencois Maranhenses, uno splendido parco naturale protetto nel nord ovest dello stato del Maranhao.