Centro de Portugal: alla scoperta del cuore del Portogallo

Tra montagne, villaggi di pescatori, e un vasto patrimonio artistico secolare, scopriamo Centro e tutte le attrazioni da non perdere.

Trova qui tutte le offerte per Centro de Portugal.

Situata nella parta più interna del Portogallo, la regione di Centro offre una varietà di paesaggi e alcune delle città più belle e caratteristiche del paese. Da Coimbra, città universitaria, a Castel Branco, da Batalha a Tomar, soprannominata la città dei templari, ognuna di esse custodisce le bellezze e le peculiarità del Portogallo. Che aspettano solo di essere scoperte.

Ecco tutto quello che devi sapere prima di visitarla.

LE SPIAGGE MIGLIORI

Noi ne abbiamo selezionate alcune, ma accettiamo i vostri suggerimenti e consigli.

La Praia de Claridade è una lunga distesa di sabbia bianca fine che affaccia sull’oceano. Tra le preferite dai turisti portoghesi, si trova a Figueira da Foz ed è attrezzata con docce, bagni, e tutte le comodità necessarie per godersi un po’ di relax in spiaggia.

Praia de Tocha, un tempo piccolo villaggio di pescatori, è oggi una località balneare molto gettonata. Un lungo arenile dorato che si prolunga verso nord fino alla deserta e quasi selvaggia Praia do Palheirão. Dove le grandi onde che si infrangono sulla costa di Tocha, offrono le condizioni ottimali per il surf e il bodyboard.

La Spiaggia di Barra si trova invece ad Aveiro. Con il suo faro centenario, il più alto del Portogallo, segna il punto d’incontro della laguna con l’oceano. Anche questa spiagga è considerata una delle mete top per il surf, soprattutto invernale, in Portogallo.

Consigliatissima anche Praia de Leiros: la spiaggia, si estende su un arenile molto vasto, bagnato da un mare quasi sempre mosso e adatto sia per il surf che per la balneazione.

MANGIARE LOCAL

Carne e pesce sono gli ingredienti principali della cucina portoghese. Una cucina, che predilige sapori forti ma genuini, piatti ricchi ed elaborati secondo una lunghissima tradizione gastronomica. Come il bacalhau, preparato in moltissimi modi diversi. Si dice che in tutto il Portogallo esistano ben 365 ricette diverse per cucinare il baccalà, una per ogni giorno dell’anno.

Tra i piatti di mare sono famose anche le sardine alla griglia, le seppie, il polpo arrostito, i calamari e il pesce spada. A Coimbra, vi consigliamo di assaggiare carne e pesce alla griglia al Restaurante Adega Paco do Conde, una trattoria spartana nel cuore della città.

Tra le ricette a base di carne, troviamo invece le interiora fritte o stufate, il sanguinaccio, la zuppa di stomaco, il pollo alla griglia e il maialino da latte arrosto, una vera e propria prelibatezza qui a Centro.

E se avete spazio per il dolce, non potete non assaggiare i leggendari pastéis de nata: pasticcini di pasta sfoglia con crema che riempiono le vetrine di tutte le pasticcerie e caffè del Portogallo. Provare per credere!

Ecco alcuni indirizzi gustosi dove provare del cibo tipico portoghese:

Dom Duarte Dois, Coimbra. Cucina tipica portoghese di carne e pesce.

Riu’s Restaurante, Alcobaca. Posizione centrale, un’ottima selezione di vini, cucina della tradizione.

Restaurante A Tasquinha, Fatima. Cucina tradizionale, ambienti sobri, prezzi modesti e posizione comoda.

Ne conoscete altri buoni e consigliati? Segnalatecelo nei commenti.

LE CITTA’ DA NON PERDERE

Coimbra

Famosa per la sua università, tra le più antiche al mondo insieme a Salamanca, Bologna, Parigi e Oxford, Coimbra è una città dal fascino antico, ricca di storia, arte e monumenti, che raccontano il passato e le dominazioni di questa terra.

A partire dal centro storico, un tempo sede dell'antica fortezza araba e oggi sede dei principali monumenti della città: le chiese, i musei, i palazzi, e la stessa Università, da dove è possibile godere di una vista panoramica della città imperdibile. All'interno dell'Ateneo si trova la famosa Biblioteca Joanina, vero e proprio paradiso di libri e documenti, immersi in un palazzo gotico di assoluto pregio.

(Ricordate che per poter visitare l’interno dell’università è necessario acquistare il biglietto; ne esistono di varie tipologie).

Lo sapete che a Coimbra, sempre nel complesso dell'Università, si trova il più grande giardino botanico di tutto il Portogallo? Il Jardim Botanico fu realizzato per volere del Marchese di Pombal e vanta una collezione enorme di piante, tra cui spiccano quelle orientali provenienti dalle ex colonie portoghesi.

Fatima

La città è nota soprattutto per il santuario mariano, luogo di culto nonché uno dei posti più visitati del Portogallo; l’area del Santuario, oltre a includere la famosa basilica in stile neoclassico dell’architetto Joao Antunes, comprende anche il Recinto delle preghiere e la famosa Cappella delle Apparizioni.

Sono milioni i fedeli che si recano in pellegrinaggio a Fatima ogni anno. Per devozione, curiosità, per affidare le proprie preghiere alla Vergine. I ceri votivo sono sicuramente la parte più caratteristica del culto: candele, con le fattezze di parti del corpo, per le quali chiedono la guarigione (come gambe, piedi, testa, o addirittura figure umane intere). Che vengono poi bruciati in un unico braciere comune.

Alcobaca

Alcobaca deve la sua fama al Monastero, conosciuto anche come Real Abadia de Santa Maria. Un imponente capolavoro di architettura gotica, dichiarato Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1989, e considerato uno dei monasteri cistercensi più belli e maestosi al mondo.

La vista vi lascerà di stucco, così come la particolarità e le rifiniture degli interni: la Stanza dei Re, ad esempio, è decorata con azulejos bianchi e blu del XVIII secolo che raccontano la storia del monastero fin dalla sua fondazione. Il Chiostro del Silenzio, all’interno dell’edificio, è uno dei chiostri cisterciensi più grandi d'Europa ed è una vera oasi di relax abbellita da bellissimi aranceti.

Da non perdere anche il Museu Nacional do Vinho. Questo museo espone migliaia di bottiglie di vino, in molti casi di oltre 50 anni, e migliaia di etichette provenienti da ogni parte del paese. Ospita inoltre una collezione di orci provenienti dall’Alentejo, il più antico dei quali risale al 1620.

Un salto alle Terme di Luso

Una tappa imperdibile se siete da queste parti. Immerse nella vegetazione della Serra do Buçaco, le Terme di Luso furono fondate nel 1852 e da allora offrono, oltre al termalismo classico, un centro benessere di estetica e uno che si avvale del trattamento idropinico. In cosa consiste? Nell’utilizzo di acque minerali dalle proprietà curative, di cui la fonte è piena, utili nel trattamento di alcuni disturbi e patologie.

Le terme sono facilmente visitabili in giornata partendo da Coimbra. 

LINK UTILI

https://www.visitportugal.com/it