BABY K: la musica, i viaggi, e la voglia di ballare

Un nuovo singolo in uscita, un successo planetario alle spalle e la voglia di mettersi sempre in gioco. Anche quando viaggia. L'intervista a Baby K, la donna alfa del rap italiano.

Il tuo singolo di successo Roma - Bangkok (8 dischi di platino, 200 milioni di views su YouTube, un record dietro l’altro) parla di viaggiare, di girare il mondo, da Milano fino a Bangkok. Ma alla fine ci sei andata a Bangkok?

Incredibilmente, ancora no! Ma è sicuramente nella lista dei prossimi viaggi da fare.

Rimorsi dentro il portabagagli, speranze dentro il cruscotto (è il verso di apertura della canzone Kiss Kiss Bang Bang). E nel bagaglio cosa c’è?

Mi capita spesso di citare i bagagli e le valigie nelle mie canzoni, perché viaggiare fa parte della mia vita. Nel mio bagaglio c’è tanto, soprattutto a livello metaforico: è pieno di esperienze, di successi, di tutto ciò che mi ha portato ad arrivare fin qui. Mi ritengo una persona molto fortunata e sono grata, soprattutto ai miei fan, per quello che sono riuscita a costruire.

Anche il mio bagaglio di viaggio è pieno. Pieno di vestiti, scarpe, accessori. Faccio sempre fatica a farci stare tutto dentro.

Per una fashion victim come Baby K, fare la valigia è una vera scienza. Ma capita alcune volte di dimenticare qualcosa... 


Sei “Una seria” (titolo del suo album di debutto, ndr) anche quando viaggi? Organizzi tutto prima o sei una viaggiatrice lastminute?

Mi basta preparare tutto la sera prima. Il problema è che poi mi ritrovo a chiudere la valigia a poche ore dalla partenza, perché sono sempre lì ad aggiungere qualche vestito o un paio di scarpe a cui non posso rinunciare! 

Per viaggiare bene e comodi, la prima cosa è l’organizzazione: per me ogni cosa deve avere il suo posto.

Nata a Singapore, cresciuta a Londra, ora in Italia. Cosa c’è di questi luoghi nella tua musica?

Di Londra c’è la mia base, il motivo per cui ho iniziato a rappare. E’ stata la partenza che ha formato il mio gusto e le mie scelte musicali. Di Singapore, c’è la mia parte creativa, il fascino e la curiosità che ho verso tutto ciò che è diverso, lontano da casa. Dell’Italia c’è la mia fanbase principale, il mio presente e, spero, anche il mio futuro.

Qual è il tuo posto preferito nel mondo?

Un palco gigante davanti a una folla che canta le mie canzoni.

Il posto con la migliore musica del mondo?

Per me c’è qualcosa di speciale nella musica di tutto il mondo. A meno che non si parli di “musica madre” o folkloristica, la maggior parte della musica è contaminata da sonorità disparate e tutte uniche. Che spesso mi stimolano e influenzano quello che scrivo. 

Barcellona, Palma di Maiorca e Sardegna sono le location del tuo nuovo singolo Voglio ballare con te. Tutte mete estive e gettonatissime. Che cosa consigli a chi ci va in vacanza?

Indipendetemente dalla destinazione, consiglio di lasciar perdere il telefono, se non per scattare qualche foto, e di godersi il relax. Senza però rinunciare a scoprire le attrazioni, i monumenti, i posti insoliti e tutto ciò che di bello un luogo può offrire.

Voglio ballare con te è un singolo che si ascolta in radio durante un viaggio in macchina. Ma si accompagna bene anche con un mojito in spiaggia. E’ in arrivo il tormentone per l’estate?

Tormentone o meno, è in arrivo un brano per la gente, per i miei fan e per tutti quelli che hanno semplicemente voglia di ballare.

A proposito di estate...hai già deciso dove andare in vacanza?

Sì, in Thailandia. Non vedo l’ora! Avete qualche consiglio di viaggio per me?