I luoghi più caldi al mondo

Quando arriva l’estate, siamo già tutti lì con il condizionatore acceso, il fazzoletto bagnato sulla fronte a lamentarci di quanto sia insopportabile, ma abbiamo veramente idea di cosa voglia dire morire dal caldo? Vi siete mai domandati quali siano i luoghi più caldi sulla terra? Mossa un po’ dalla curiosità e dall'intenzione di evitarli se non voglio sciogliermi, per lo meno nei periodi di picco, sono andata a cercarli, ed eccoli qui di seguito.

Deserto del Lut, Iran, 70 °C

In cima alla classifica troviamo il Deserto del Lut in Iran, che ha raggiunto anche i 70°C, in assoluto la temperatura più alta mai registrata al mondo!

Queensland, Australia, 68,9 °C

Brisbane Queensland La terra dei canguri è sicuramente affascinante, in modo particolare lo stato del Queensland dove si trovano zone come Brisbane, Airlie Beach, Cairns e così via, e qui, vi consiglio personalmente di andare, vista la meravigliosa barriera corallina che si nasconde sotto i fondali di questa parte dell’Australia, nonostante i 68,9°C che potrebbe raggiungere durante il periodo estivo.

Turpan, Cina, 66,7 °C

Uno dei posti più bassi del mondo, si trova infatti a 150 metri sotto il livello del mare, l’origine di questa città risale ad un’antica oasi sulla via della seta, e qui la temperatura è arriva a 66,7°C. Niente male!

El Azizia, Libia, 58° C

Ci troviamo in Libia, in una delle città più evolute a livello commerciale della regione Gefara, questo anche perchè si trova sulla strada carovaniera che unisce Tripoli a Gebel Nefusa e al deserto del Fezzan.

Death Valley, California, USA, 57° C

Death Valley Bramata un po’ da tutti i viaggiatori, la Death Valley è uno dei luoghi più caldi al mondo, con i suoi 57°C di massima registrati. Prima di inoltrarsi al suo interno, però, assicuratevi di avere serbatoio pieno e almeno 2 litri di acqua a testa. Non si sa mai.

Ghadames, Libia, 55 °C

Torniamo per un attimo in Libia, in una città-oasi, conosciuta in passato come “la perla del deserto” ed è, ora, patrimonio dell’UNESCO, per le sue architetture e per essere una delle poche città antiche pre-sahariane. Da vedere, ma ricordiamoci dei suoi 55°C e scegliamo bene il periodo in cui andare.

Kebili, Tunisia, 55 °C

Anche questa città della Tunisia nasce in un’oasi, una delle più antiche dello stato. Il periodo migliore per evitare i 55°C è tra l’inverno e la primavera e la maggior attrazione della città è la sua fontana, chiamata anche piscina, risalente al periodo romano.

Timbuktu, Mali, 54 °C

Fin da piccoli abbiamo sentito parlare di questa lontana città grazie al cartone “gli Aristogatti” e finalmente scopriamo che è anche uno dei luoghi più caldi al mondo! timbuktuLa città di Timbuktu è legata a leggende che narrano sia irraggiungibile. Luogo affascinante, ma difficile da raggiungere, prima di partire informatevi bene… non solo per la temperatura!