Le spiagge e le calette più belle di Minorca

Per rilassarsi al sole, fare un bagno o semplicemente ammirare il tramonto. Ecco una lista delle spiagge imperdibili sull'isola di Minorca. 


Minorca, nelle Baleari, è una meravigliosa isola spagnola adatta soprattutto a famiglie per la tranquillità dei suoi centri principali, Ciutadella e Mahon, per le spiagge con l'acqua che digrada lentamente e per le strutture ricettive pensate anche per gli ospiti più piccoli, provienienti un po' da tutta Europa. Una vacanza a Minorca è quindi sinonimo di relax, ma senza annoiarsi: è infatti possibile (e consigliabile) noleggiare un'auto e spostarsi da una caletta all'altra anche più volte in un giorno, così da vedere sempre posti nuovi e scoprire che l'isola del vento è davvero un posto dove andare almeno una volta nella vita.

Minorca
Minorca

Se amate il mare e volete scoprire le spiagge e le calette più belle dell'isola, potete seguire questo itinerario che da Ciutadella arriva a Mahon toccando tutto ciò che è possibile vedere in meno di una settimana. 

  

Ciutadella 

Ciutadella
Ciutadella
L'itinerario parte dall'estremità a nord-ovest dell'isola, da Ciutadella. Prima di cercare il mare nelle sue sfumature migliori, dedicate un paio d'ore a questa cittadina di origine cartaginese. L'antico porticciolo ogni sera ospita bancarelle e locali con cucina a base di pesce, mentre la via pedonale che porta alla Cattedrale di Santa Maria si riempie di gente che passeggia o fa shopping tra musica e spettacoli di strada. Per trovare i ristoranti più tipici e meno turistici lasciate Carrer Quadrado e addentratevi nelle viuzze laterali. E se vi piacciono i fari, a pochi chilometri da Ciutadella troverete quello di Cap d'Artrutx, proprio sull'estremità ovest della costa sud dell'isola. 


Playa Son Saura 


Iniziamo dunque la scoperta della costa meridionale dell'isola da ovest a est, e arrivando da Cap d'Artrutx la prima spiaggia che merita una lunga sosta relax è quella di Son Saura. Ve la consiglio se amate isolarvi in una spiaggia con l'acqua turchese e la sabbia fine, senza ombrelloni e strutture ricettive nè bar o ristoranti: è totalmente incontaminata. Per arrivarvi c'è un piccolo tratto nella pineta partendo dal parcheggio a pagamento (quasi tutti i parcheggi per le spiagge sull'isola sono così).

Playa Son Saura
Playa Son Saura

Cala En Turqueta 


Questa è una delle mie preferite. Il nome indica già il colore turchese dell'acqua: per raggiungere questa spiaggia troverete due parcheggi. Uno vicino, a pagamento, e uno gratuito ma distante 10 minuti a piedi. La strada è la stessa che porta anche ad altre due calette bellissime di cui vi parlo più sotto, per cui potreste organizzare una giornata trascorrendo la mattina in una spiaggia e il pomeriggio in un'altra. Cala En Torqueta è circondata da scogli e pinete e anche qui non c'è spiaggia attrezzata, per cui è meglio che abbiate con voi un ombrellone (li trovate per pochi euro nei minimarket dei paesi limitrofi), altrimenti sarà dura trovare un posto all'ombra, soprattutto in agosto. Quando il parcheggio raggiunge la capienza massima, la guardia all'ingresso della via non permette più il passaggio, per cui è meglio arrivare o nelle prime ore del mattino (entro le 10) oppure verso il tramonto, dalle 16 in poi. Anche l'ora del pranzo è un buon momento per cambiare spiaggia, quando le persone vanno nei residence o a fare uno spuntino in città per via del caldo. Questa è una regola che vale un po' per tutte le spiagge più frequentate dell'isola.

Cala En Torqueta
Cala En Torqueta

Cala Macarelleta


Si tratta di una meravigliosa insenatura molto piccola e tranquilla, soprattutto verso sera, circondata da scogli e pini marittimi: si raggiunge solo a piedi in circa 15 minuti lungo un sentiero abbastanza ripido (dista 500 metri) partendo dalla spiaggia di Macarella. Indossate scarpe comode perchè in alcuni punti ci sono scalini scavati nella roccia e una fune aiuta ad aggrapparsi, ma la bellezza di questa caletta ripagherà i vostri sforzi una volta arrivati! La spiaggia è aperta a tutti, ma tenete conto che ci sono anche molti nudisti.

Cala Macarelleta
Cala Macarelleta

Cala Macarella  


Per raggiungere Cala Macarella seguite la strada principale per Mahon, poi svoltate verso sud e percorrete la via ad un'unica corsia fiancheggiata da muretti a secco. La sorella maggiore della piccola Macarelleta è una spiaggia libera a cui si accede attraverso un parcheggio più vicino che costa 5 euro e uno gratuito più lontano (entrambi ad esaurimento posti), proseguendo lungo la via che porta anche a Cala En Torqueta. La spiaggia non è attrezzata, c'è soltanto un bar, ma lo reputo uno dei punti forti delle tante calette di questo tipo a Minorca. Si vive l'autenticità del luogo.

Cala Macarella
Cala Macarella

Cala Mitjana

 

Questa è la più bella in assoluto, a mio avviso. Andate verso Ferreries e poi seguite per Santa Caldana. La strada che porta alla spiaggia, o per lo meno l'ultimo tratto, non è asfaltata, ma si può parcheggiare abbastanza vicino. Tra tutte le calette incontrate finora, questa è la più organizzata: c'è un area pic-nic nella pineta, bagni adatti anche ai portatori di handicap e, se oltre a rilassarvi sul bagnasciuga volete fare un giro nei dintorni, un sentiero nella pineta consente di vedere la caletta dall'alto delle rocce circostanti, all'inizio dell'insenatura. Anche qui il mare è sempre color turchese e la sabbia è finissima e bianca.

Cala Mitjana, Minorca
Cala Mitjana, Minorca

Playa Son Bou 


Se quelle viste finora erano calette appartate, questa è tutt'altra cosa. Son Bou, che raggiungete dalla ME-1 (la strada principale) svoltando verso sud nei pressi del paese di Alaior, è una spiaggia lunga 3 km dove non faticherete a trovare un posto per l'ombrellone. L'acqua è cristallina e la sabbia dorata, il luogo in generale è quindi stupendo, salvo alcuni hotel costruiti proprio a due passi dal mare e che rovinano un po' l'intero paesaggio. A parte questo, Son Bou è una delle spiagge più grandi e famose di Minorca, ideale anche per i bambini grazie al fondo basso. Ci sono anche aree attrezzate con ombrelloni e lettini, oltre a numerosi ristoranti e bar.

Playa Son Bou
Playa Son Bou

Binibeca Vell  
 

Questa è una delle chicche di Minorca: dopo il mare e il sole è bello rifugiarsi in un antico borgo di pescatori, oggi località di villeggiatura composta da un porticciolo, casine bianche e fresche viuzze all'ombra, tra un ristorantino e un negozietto. Seguite le indicazioni per Sant Lluìs e infine per Binibequer, quasi sulla punta a sud-est dell'isola.

Binibeca Vell
Binibeca Vell

Mahon


Eccoci all'ultima tappa, Mahon: dal suo porto partono e arrivano le navi per la terra ferma e le altre Baleari. La città vecchia (Placa de S’Esplanada) si staglia in cima a una scogliera alta circa 30 metri e qui ci sono molti negozi e ristoranti. L'atmosfera è cosmopolita, si vede ancora l'influsso l'inglese negli edifici georgiani, ma non rinuncerete ai tradizionali piatti minorchini serviti nei ristoranti all'aperto delle vie pedonali del centro, mentre si svolgono i numerosi spettacoli in piazza nel periodo estivo. E se di sera si anima, di giorno la troverete pacata e tranquilla.

Mahon
Mahon
Questi centri e queste spiagge sono visitabili in 4-5 giorni di permanenza sull'isola: se restate più tempo vi consiglio di fare un salto anche nella zona di Fornells, sulla costa a nord dell'isola, con altre calette e spiagge un po' più ventose rispetto a quelle della costa sud, ma altrettanto particolari.L'isola del vento vi aspetta!