Photo-crafting: immagini delle vacanze come elementi d’arredo

Io, lo ammetto, sono una collezionista seriale di cose: di oggetti, di cianfrusaglie, di scatti, di sorrisi, di emozioni, di ricordi. In particolare, quando viaggio, colleziono tantissime cose: il biglietto della metro, la mappa della città, lo scontrino di Starbucks, il ticket del museo, se c’è una valuta straniera, alcune monete e via dicendo. Che ne faccio? Semplice, li uso per realizzare oggetti che mi ricordino il viaggio e tenerli per me o regalarli alle persone con cui ho condiviso quell'avventura.

Cornici raccogli-oggetti

Tempo fa sono stata a Parigi e come potrete immaginare ho scattato moltissime foto. In albergo ci avevano dato la mappa della città: abbiamo girato in metro, abbiamo visitato la tour Eiffel e io ho comprato pure un piccolo souvenir della stessa torre. Una volta tornata a casa ho acquistato una cornice quadrata, una di quelle con i bordi molto alti, in modo tale da avere spazio all'interno del vetro, ho ricoperto la base della cornice con la mappa della città, ho incollato sopra una delle foto che ritraevano me e il mio compagno di avventure (ovviamente in formato quadrato, da brava Instagramer!) e poi ho incollato all'interno i bigliettini della metro, la tour Eiffel in miniatura e altre piccole cianfrusaglie legate a momenti particolari. Il risultato? Una bellissima cornice da appendere in salotto per ricordare quel viaggio.   Un’altra variante può essere quella di lasciare bianco il fondo e realizzare le lettere del nome della meta visitata, usando foto e mappa.athletesabroad_680x455 A quel punto potete incollare accanto tutto il resto del materiale (tra cui ad esempio anche le monetine che avete conservato o le conchiglie che avete trovato passeggiando sulla spiaggia.

Una mappa di fotografie

Se invece siete viaggiatori seriali, il mio consiglio è quello di realizzare voi stessi una mappa con le vostre foto! Come? Basta stampare una mappa, una di quelle “politiche”, cioè con i confini (capiremo tra poco perché). Scattate una foto per ogni meta, e fate attenzione in fase di scatto a posizionarvi bene al centro. cutcraftcreate_680x455Una volta tornati a casa stampate la vostra foto e ritagliatela esattamente seguendo i confini del Paese che avete visitato. Per il primo periodo potrebbe sembrare vuota, ma questo non è un motivo per viaggiare di più e riempirla il più possibile? Sempre con le istantanee potreste realizzare una variante della mappa di prima: non serve necessariamente una cartina politica (va bene anche quella fisica) e attraverso alcuni pin attaccare le foto per ogni meta visitata: questa soluzione è più utile se volete visitare diverse città nello stesso Stato. Sapete però cosa mi fa veramente impazzire? Scattare foto con la mia istantanea! Non solo perché ha un fascino tutto suo, legato alla foto che diventa reale davanti ai miei occhi, all’attesa durante lo sviluppo, ma anche perché mi permette di avere del materiale da poter riutilizzare per molti progetti! Ad esempio, potreste riciclare un vecchio ramoscello e appenderci le foto realizzate e le altre cose che avete collezionato e poi appendere anche questo su un muro ancora spoglio o, perché no, in ufficio, per ricordare le vacanze tutto l’anno.simonestagram_680x455   Articolo di Simonetta Vicino IG: @simonestagram TW: @simonesta