Raccontare un viaggio dall’inizio: come fotografare la valigia e il suo contenuto

Di preciso un viaggio quando inizia? Io credo che un viaggio non inizi con l’arrivo a destinazione e nemmeno quando ci si mette fisicamente in macchina, in treno o in aereo: un viaggio inizia quando si preparano le valigie. È proprio a partire da quel momento che quella che era poco più di una fantasia inizia a diventare realtà. Abbiamo prenotato i biglietti, sono mesi che fantastichiamo di come racconteremo fotograficamente il nostro viaggio... ma allora perché non iniziare a farlo mentre prepariamo la valigia? In fondo la scelta del tipo di bagaglio racconta già molto del viaggio, ancora di più lo faranno gli abiti, le scarpe, gli accessori più o meno tecnologici che ci metteremo dentro. Quindi: prendete la valigia o lo zaino che userete, quello che ci metterete dentro e pronti con lo smartphone!

fotografia volagratis
fotografia volagratis

Things organized neatly

Tutto è iniziato con Austin Radcliffe e col suo Tumblr dal titolo “Things organized neatly” nel quale fotografa oggetti messi in ordine maniacale. Da quel Tumblr all’hashtag su Instagram il passo è stato breve e ora #thingsorganizedneatly è diventato l’hashtag usato anche per le foto delle valigie e del loro contenuto. Se cercate su Instagram trovate parecchi spunti e molti scatti interessanti. Ma come si fa a raccontare un viaggio, una vacanza, ma soprattutto un viaggiatore partendo dal suo bagaglio?

fotografia volagratis
fotografia volagratis

Come fotografare la valigia

  1. Fate una selezione. Chiariamoci. Stiamo raccontando una storia, non facendo un docu-film e a nessuno interessa vedere tutte le paia di mutande e di calzini che vi portate. Selezionate gli oggetti, i capi di abbigliamento più significativi, quelli che rappresentano voi o la vostra mèta, se riuscite a rappresentare entrambi ancora meglio.
  2. Fa parte anche questo del punto 1. Scegliete oggetti che appartengano alla stessa scala cromatica o di due, massimo tre, colori differenti: il troppo colore confonde e distoglie l’attenzione dall’ordine che deve essere alla base di questo tipo di scatto.
  3. Il pavimento. È lo sfondo della vostra foto quindi dovrete prestare molta attenzione. Evitate pavimenti o tappeti in fantasia o molto colorati per lo stesso motivo descritto al punto 2: distolgono l’attenzione dagli oggetti che sono il soggetto della foto.
  4. Geometria. Scelti gli oggetti, scelti i colori, scelto lo sfondo ora viene il bello: allineare tutto. Il metodo che trovo più semplice è quello di inscrivere le cose da fotografare in un ipotetico quadrato (la foto intanto andrà su Instagram, no?). Uno dei lati sarà occupato parzialmente o interamente dal bagaglio, gli altri lati saranno delimitati dagli oggetti che andranno a riempire tutto lo spazio restante, cercando di allinearli meglio possibile.
  5. Il bagaglio. Trolley? Zaino? Borsetta? Valigia? Dipende da voi: cosa state raccontando? Quale aspetto di voi e del vostro viaggio volete mettere maggiormente in risalto? Secondo me la resa migliore sulla foto di viaggio la danno trolley e zaini... ma forse solo perché nella mia borsetta nessuno deve guardare. Mai.
  6. Sulla sedia. Questa è una di quelle foto che va fatta zenitalmente rispetto al soggetto da fotografare (ovvero sovrastando verticalmente e perpendicolarmente la zona ripresa). Quindi, bando alle ciance, prendete una sedia solida e saliteci sopra per scattare la foto.
  7. L’hashtag giusto. Quando pubblicate la foto su Instagram non dimenticate, ovviamente, di aggiungere gli hashtag: in questo caso #thingsorganizedneatly e #wellpacked sono i tag perfetti. Quelli da non usare li avete già visti in questo post

  Autore: Silvia Lanfranchi Instagram: www.instagram.com/silvialanfry Twitter: www.twitter.com/silvialanfry