Sydney: 8 esperienze da non lasciarsi scappare

Natura, cultura, divertimento, quando si pianifica un viaggio a Sydney, il tempo sembra sempre non bastare mai, ed in effetti, una volta arrivati, si scopre che è proprio così. Sydney è una di quelle città che difficilmente delude: qui vi racconto otto esperienze da non lasciarsi scappare, giusto per cominciare a conoscerla un po'!

[metaslider id=6926]

Un tour nei Rocks

Quella dei Rocks è la parte storica della città, nonchè la più pittoresca; siamo nella zona a ridosso del porto, non troppo distante dall'Harbour Bridge: Sydney nasce come colonia penale per i detenuti europei, ed è proprio in quest'area che ancora oggi si scorgono le tracce dei primi insediamenti. I Rocks sono un intrico di viuzze contornate da edifici in mattoni nei quali si annidano alcuni tra i locali più vecchi della città: per scoprire questo quartiere vengono organizzati dei walking tour, sia diurni che notturni; a proposito dei tour notturni, segnalo i cosiddetti tour dei fantasmi: una chicca per gli appassionati del genere!

Una passeggiata sull'Harbour Bridge

I sydneysiders lo chiamano affettuosamente "attaccapanni" a causa della sua forma: l'Harbour Bridge, insieme all'Opera House, è uno dei simboli della città, unico nel suo genere. I più temerari possono decidere di guardarlo "dall'alto in basso" camminandoci sopra, in cordata, con tanto di imbragatura, per chi invece non vuole spingersi a tanto, c'è comunque la possibilità di salirci passando all'interno dei suoi piloni, decorati dalle fotografie in bianco e nero di una Sydney che non c'è più, che scortano il visitatore fino in cima. Il premio per l'arrivo è semplicemente la vista di una delle baie più belle del mondo: niente male, no?

Una visita all'Opera House

Creazione di Jorn Utzon, un talento danese sconosciuto ai più, l’Opera House sembra letteralmente sbocciare sul lungomare di Sydney, nella zona del Circular Quay. E' possibile visitarne l'interno soltanto prenotando un tour guidato: se decidete di farlo, quando scegliete il giorno controllate che non ci siano attività dell’orchestra sinfonica in programma, perchè in quel caso non è permesso accedere alla sala principale, che senza dubbio costituisce gran parte dello spettacolo.

Un tramonto da Manly

La penisola di Manly si trova al nord della baia di Sydney e si può raggiungere con un traghetto dal Circular Quay oppure via terra, percorrendo tutto il profilo della baia: una volta arrivati, non c'è che l'imbarazzo della scelta quanto a spiagge. Il mio personalissimo consiglio è quello di andare a Manly con il traghetto per poi far ritorno al calare del sole: vedere il tramonto che fa da sfondo al profilo dell'Opera House e alla baia intera non ha prezzo.

Un po' di relax a Bondi Beach

Bondi beach, con l'inconfondibile mezzaluna che la distingue da tutte le altre, è probabilmente una delle spiagge più famose di Sydney; situata nella periferia est della città, dopo la Bondi junction, è sicuramente un buon posto per passare qualche ora in relax, godendosi il panorama o, perchè no, facendo surf.

Una visita all'acquario

L'acquario di Sydney si trova a Darling Harbour, a ovest del centro; Darling Harbour è sicuramente una delle aree più commerciali di Sydney: quando sono arrivata, inizialmente ho avuto la sensazione di essere finita in un gran luna park! L'acquario invece è una vera e propria cittadina, calcolate quindi di passarci almeno mezza giornata, forse anche un po' di più; la sala più impressionante, a mio modo di vedere, è quella dove si trovano le enormi vasche degli squali: ci sono addirittura delle gallerie per passarci in mezzo, per camminare con gli squali che nuotano sopra le vostre teste!

Una passeggiata nel giardino botanico

Il giardino botanico è una distesa di circa 30 ettari contornata dall’oceano, con la baia di Sydney a fare da cornice: impossibile non rimanere affascinati da un posto del genere! E' perfetto per una passeggiata in autonomia, o anche con un tour guidato: ne vengono organizzati di gratuiti tutte le mattine, e di pomeridiani dal lunedì al venerdì (in questo caso però solo da marzo a novembre).

Un panorama dalla Sydney Tower

Concludo con un colpo d'occhio di quelli da ricordare: la vista della città intera dall'alto! Per godervela raggiungete la Sydney Tower, l'edificio più alto di Sydney, dove, a quasi 300 metri d'altezza, due piani girevoli vi permetteranno di ammirare la baia a 360 gradi. Per chi vuole togliersi ogni sfizio, segnalo che è possibile fermarsi anche per cena o per un drink con la testa tra le nuvole!

Buona Sydney a tutti!