Viaggio low cost a Zanzibar: come risparmiare spendendo 1000€

In questi giorni il freddo si fa sentire, e più volte il pensiero mi è volato alla scorsa estate e al mio viaggio a Zanzibar. I suoi 35 gradi in agosto, la sabbia bianca dalla consistenza della farina, i tramonti tra i più belli mai visti, il fenomeno delle maree e la cultura locale.Se stai pensando di prenotare un viaggio a Zanzibar e sei alla ricerca di qualche consiglio per risparmiare, di seguito trovi tutti i miei suggerimenti grazie ai quali puoi riuscire a prenotare una vacanza nell’isola dell’Oceano Indiano spendendo intorno ai 1000 euro, inclusi volo e soggiorno.

Voli

Come per tutti i viaggi a medio/lungo raggio, il primo consiglio per risparmiare sul costo totale della vacanza riguarda il volo, che va quindi prenotato con qualche mese in anticipo dopo aver monitorato l’andamento dei prezzi, in modo da trovare delle buone offerte rimanendo elastici sulle date di partenza. Il periodo del viaggio infatti può fare la differenza se si vuole risparmiare.Innanzitutto ti informo che la stagione turistica a Zanzibar dura da luglio a fine marzo, con periodo di alta stagione nei mesi di dicembre e gennaio. Se quindi hai il classico periodo di ferie estivo a luglio o agosto, troverai delle temperature meno calde (si parla comunque di 35 gradi!) e prezzi più contenuti.I voli da monitorare sono quelli con destinazione l’aeroporto di Zanzibar, centrale ma molto caro, e quello di Dar Es Salaam in Tanzania, raggiungibile con voli che fanno scalo e per questo più economico. Se stai organizzando un viaggio low cost la miglior soluzione è quindi volare sulla Tanzania. Mi dirai: “Ma è più scomodo!”. È vero, ma pensa che una volta atterrato è possibile raggiungere Zanzibar in traghetto ad un costo di circa 40$ a testa e con 3 ore di navigazione. L’ulteriore alternativa è prendere un volo diretto per Zanzibar, ma i prezzi sono piuttosto elevati.

zanzibar viaggio
zanzibar viaggio

Dove soggiornare

Una volta prenotato il volo aereo potrai scegliere dove soggiornare per l’intero viaggio. Personalmente ho trascorso una vacanza di 10 giorni a Zanzibar in un villaggio turistico ma posso assicurarti che non mancano le soluzioni alternative. Ci sono infatti molti hotel sulla spiaggia nelle varie località turistiche o nella capitale Stone Town a prezzi davvero abbordabili (50$ a notte). Inoltre, una soluzione che mi aveva molto incuriosito mentre ero laggiù sono i bungalow sulla spiaggia (gestiti spesso dai masai) a un costo di circa 15/20€ a notte a persona, con possibilità di includere anche il servizio di ristorazione con una decina di euro in più al giorno. La prenotazione in entrambi i casi può avvenire direttamente dall’Italia, in anticipo e online, in modo da avere la possibilità di confrontare prezzi e offerte.

Visto turistico e moneta

Un’ulteriore spesa durante un viaggio a Zanzibar è la tassa di ingresso e uscita, ma anche in questo caso ho un piccolo trucco da svelarti per risparmiare qualche euro.La moneta locale è lo scellino della Tanzania (2200 TZS ≅ 1€) ma sono accettati senza problemi l’euro e il dollaro (con preferenza di quest’ultimo). Il mio consiglio è quello di cambiare gli euro da tagli piccoli in scellini facendo il change a Zanzibar e cambiare una parte degli euro in dollari, in Italia, ma attenzione che siano stati emessi dopo il 2003 altrimenti non verranno accettati.Dato che il visto turistico ha un costo di 50$ sia per entrare che per uscire, e va fatto in loco, per risparmiare ti consiglio di pagare in dollari e non in euro (50$ sono meno di 50 euro!).

zanzibar viaggio
zanzibar viaggio

Come muoversi a Zanzibar

Sia che tu decida di soggiornare in villaggio sia che tu preferisca organizzare una vacanza fai da te, per spostarti nelle varie località dell'isola dovrai ricorrere a soluzioni per lo spostamento interno.Una di queste sono le navette locali, i dalla dalla, che collegano tutte le località di Zanzibar quindi anche i villaggi, che sono molto economici in quanto utilizzati dalla gente del posto. Tuttavia, come puoi ben immaginare, questi mezzi hanno dei tempi di percorrenza molto lenti con orari non propriamente affidabili. Te li consiglierei quindi solo per tragitti brevi.Un’altra soluzione di spostamento sono i taxi, che potrai chiamare sia dal resort sia dal tuo bungalow o hotel. La parola d'ordine è sempre "contrattare". La prima cifra che ti spareranno è sempre più del doppio del costo reale, quindi tendi al ribasso. Un ottimo consiglio è quello di condividere la corsa con altre persone per ammortizzare la spesa.Per farti un esempio: per il mio spostamento da Kiwengwa, dove alloggiavo, fino al famoso ristorante The Rock che dista più di un’ora di auto, la richiesta iniziale del taxista era di 100$. Spostandoci in 4 (ho trovato un'altra coppia di viaggiatori interessata a fare la stessa gita insieme a noi) il costo finale è stato di 10$ A/R a persona, quindi 40$ totali: meno della metà!

Escursioni

L’argomento “escursioni” è molto personale, e ti spiego subito il perché. Scoprirai che a Zanzibar, come del resto in altre località dell’Africa, è possibile fare i tour proposti in villaggio dalle agenzie e dai tour operator e quelli proposti e venduti direttamente in spiaggia dai giovani beach boys. Le escursioni in entrambi i casi sono le stesse: solito itinerario e solite cose da vedere ma ciò che cambia è il prezzo. I tour coi beach boys sono molto più economici, con tariffe quasi dimezzate rispetto alle altre. Moltissimi turisti decidono di affidarsi a loro per risparmiare e in questo modo fare molte più escursioni. Tuttavia, come anticipavo inizialmente, la scelta finale dipenderà da che tipo di viaggiatore sei. Inoltre ti informo che alcune escursioni a terra, come ad esempio la visita alla capitale Stone Town o il tour delle spezie, possono essere fatte tranquillamente in autonomia spostandosi coi mezzi come spiegato sopra.Spero che con questi consigli riuscirai ad organizzare al meglio il tuo viaggio a Zanzibar. In base alla stagione e al prezzo del volo che prenoterai, 10 giorni di vacanza ti costeranno circa 1000 euro. Niente male vero?Blog Post in collaborazione con TBNet, VolagratisTB