Weekend goloso a Barcellona sotto i 200 euro

Chi dice “gusto” dice Barcellona: il capoluogo della Catalogna è una destinazione perfetta per un fine settimana low cost, ma gourmet. Siamo a casa del mercato alimentare più grande di Spagna, dove ogni anno si tiene la fiera gastronomica Barcelona Degusta (in autunno), e dove la penna dello scrittore Manuel Vázquez Montalbán ha fatto nascere il detective gourmet per eccellenza, Pepe Carvalho. Un week end a Barcellona può costare in tutto attorno ai 200 euro, basta organizzarsi per tempo e conoscere gli indirizzi giusti. PRIMA DI PARTIRE Il primo consiglio è appunto quello di pianificare il vostro breve viaggio con anticipo e se possibile prendendone in considerazione i dettagli: cercate il vostro volo per Barcellona e l’hotel possibilmente non durante festività o ponti, in modo che ci sia meno richiesta e i prezzi siano più convenienti. Sembra una raccomandazione scontata, ma decidere prima anche l’itinerario, non solo vi farà pregustare il viaggio ancora prima di iniziarlo, ma dà un grande aiuto per preventivare spese varie e approfittare di eventuali promozioni. Un’altra cosa che potete fare in anticipo è acquistare on line la Barcellona Card (BCN Card) che dà diritto all’accesso illimitato ai trasporti pubblici (metro, bus e anche il treno per l’aeroporto), all’ingresso gratuito ai molti musei della città, offerte. Può essere comprata in città, ma se presa su internet è scontata (per tre giorni, costa 45 euro invece ci 48). “IR DE TAPAS” “Ir de tapas” a Barcellona è un modo per conoscere la città spostandosi e mangiando a prezzi economici. L’espressione significa, più o meno, “Girare per bar facendo spuntini”. Le tapas appunto. In sostanza sono gli stuzzichini con cui vengono imbanditi i banconi dei vari bar, accompagnati da vino o birra. Le tapas in un locale a gestione familiare o anche da Tasca i Vins sono una soluzione perfetta per pranzo o cena. In media con al massimo 15 euro potete assaggiare molte specialità tipiche con gusto. Basta scegliere sempre la cucina locale. tapas
CHIRINGUITOS E APERITIVI SULLA SPIAGGIA Se seguite la strada più famosa di Barcellona, la Rambla, arriverete fino al mare: ottima destinazione per spuntini e aperitivi in spiaggia nei vari chiringuitos, i chioschetti, quasi un’istituzione qui. Si tratta di baretti o piccoli ristorantini, dove potete trovare di solito bevande fresche, tapas, assaggini, insalate, pesce e anche cocktail, per un bell’aperitivo al tramonto sul mare, a prezzi economici. Non sottovalutate i vini locali: provateli. Sono più economici ma molto validi. Tra i piatti tipici da provare: il pà amb tomaquet, una specie di bruschetta al pomodoro; la fideuà, una specie di paella, ma fatta con la pasta, la tortilla di patate. Se amate la carne, da provare la butifarra (salsiccia alla brace con fagioli). Per dessert, la crema catalana. barcellona rambla
IL MERCATO ALIMENTARE PIÚ FAMOSO Sempre passeggiando per la Rambla, potete ammirare molte cose. Ma se siete gourmet fermatevi al numero 91 a metà strada del percorso che va dal porto verso Piazza de Catalunya. Qui c’è un posto speciale: il Mercato della Boquería, il mercato alimentare coperto più grande di Spagna, uno dei più visitati (fermata della metro Liceu). Conosciuto anche come Mercat San Josep è un’esplosione di profumi, spezie, ingredienti, umanità. Qualche ora tra i bancali qui dentro è in grado di trasmettervi molte informazioni e sensazioni sulla Spagna, la Catalogna e Barcellona. Le venditrici di pesce con i costumi tipici, venditori carismatici, persino una libreria gastronomica e un’aula tematica. Qui si può assaggiare e gustare di tutto. Per piatti freschi ed economici, scegliete qualche chiosco che offre prodotti e cucina tipici catalani: con 10-15 euro farete un’autentica esperienza gastronomica. CHURROS E CIOCCOLATO Cosa sarebbe una vacanza a Barcellona senza assaggiare i churros? Sono speciali frittelle da mordere calde con una bella tazza di cioccolata. Se siete a dieta, fatevene una ragione: morderli ne vale la pena. C’è una strada a Barcellona dove trovare alcuni dei locali più storici che offrono questa specialità: Calle Petritxol, la prima strada che divenne totalmente pedonale a Barcellona nel 1959. Qui trovate diverse “granjas”, caffetterie e cioccolaterie. Tra le più famose, la Granja La Pallaresa e la Granja Dulcinea, che in passato fu frequentata da artisti come Salvador Dalì o Angel Guimerà. In media una cioccolata con churros costa in media tra i 2 e 5 euro. Tra parentesi si trovano nel Barrio Gotico della città, molto caratteristico. Proseguendo in direzione Parc del la Ciutadella, nelle vicinanze del parco (il polmone verde della città, da visitare assolutamente) c’è il museo della cioccolata (Museu de la Xocolata, Calle Comerç 36): l’entrata costa 5 euro ma è gratis con la BCN Card. C’è anche una bottega interna con souvenir, gadget economici e tavolette di cioccolata (prezzi dai 2.60 ai 3.40 euro). Buon viaggio, e buon appetito! Blog Post in collaborazione con TBNet, VolagratisTB