48H+: ti disegno e ti racconto Tokyo

Abbiamo chiesto a Luca Golinelli, illustratore e travel blogger di Mi Prendo e Mi Porto Via, di raccontarci una destinazione. E gli abbiamo dato anche una matita. Ecco cosa ne è venuto fuori.

Nel quartiere di Harajuku la parola d’ordine è stravaganza.  Ma anche eccesso! Tutto qui è colorato, sfarzoso, variopinto. Ti sembra di essere finito in uno di quei cartoni animati manga, tra fiocchetti rosa, gonne esagerate e make-up estrosi. Quello che amo di Tokyo è la sua doppia anima, la sua intrinseca dicotomia: da un lato i look “estremi” delle Gothic Lolita e delle Harajuku Girls, dall’altro la seriosità dei lavoratori impettiti in giacca e cravatta, che attraversano l’incrocio di Shibuya per raggiungere l’ufficio. Lo sapete che questo è l’incrocio più trafficato al mondo (oltre ad essere uno dei simboli della città)? Attraversare qui ti mette decisamente alla prova! E poi c’è l’anima spirituale di Tokyo, quella dei templi e delle tradizioni secolari. Quella degli incensi e delle statue sacre. La leggenda vuole che il Tempio di Sensoji  sia sorto sul fiume Sumida, lì nel punto  dove la statua d'oro della dea Cannon risaliva a galla, ogni volta che veniva buttata in acqua. Per questo è uno dei templi più apprezzati dai giapponesi ed è famoso per essere portatore di fortuna e felicità. Vale la pena andarci. Io però la felicità la trovo al parco di Yoyoji, passeggiando tra gli alberi e i suoni della natura. Provate a immaginare che spettacolo durante la fioritura dei ciliegi. Aspetta...ora che ci penso, la fioritura comincia propria adesso.  Finisco il disegno e corro a prendere il primo volo per Giappone! Konnichiwa

Lasciati ispirare!

Scopri le nostre applicazioni
Seguici su

Prenota con noi
02 21803729
Rete fissa. Tariffa base Informativa sulla privacy
Chiudi
Homepage Destinazioni Travel Tips Food & Drink Music & Events

48H+: ti disegno e ti racconto Tokyo

Abbiamo chiesto a Luca Golinelli, illustratore e travel blogger di Mi Prendo e Mi Porto Via, di raccontarci una destinazione. E gli abbiamo dato anche una matita. Ecco cosa ne è venuto fuori.

Nel quartiere di Harajuku la parola d’ordine è stravaganza.  Ma anche eccesso! Tutto qui è colorato, sfarzoso, variopinto. Ti sembra di essere finito in uno di quei cartoni animati manga, tra fiocchetti rosa, gonne esagerate e make-up estrosi. Quello che amo di Tokyo è la sua doppia anima, la sua intrinseca dicotomia: da un lato i look “estremi” delle Gothic Lolita e delle Harajuku Girls, dall’altro la seriosità dei lavoratori impettiti in giacca e cravatta, che attraversano l’incrocio di Shibuya per raggiungere l’ufficio. Lo sapete che questo è l’incrocio più trafficato al mondo (oltre ad essere uno dei simboli della città)? Attraversare qui ti mette decisamente alla prova! E poi c’è l’anima spirituale di Tokyo, quella dei templi e delle tradizioni secolari. Quella degli incensi e delle statue sacre. La leggenda vuole che il Tempio di Sensoji  sia sorto sul fiume Sumida, lì nel punto  dove la statua d'oro della dea Cannon risaliva a galla, ogni volta che veniva buttata in acqua. Per questo è uno dei templi più apprezzati dai giapponesi ed è famoso per essere portatore di fortuna e felicità. Vale la pena andarci. Io però la felicità la trovo al parco di Yoyoji, passeggiando tra gli alberi e i suoni della natura. Provate a immaginare che spettacolo durante la fioritura dei ciliegi. Aspetta...ora che ci penso, la fioritura comincia propria adesso.  Finisco il disegno e corro a prendere il primo volo per Giappone! Konnichiwa