La Giordania è sicura?

Ecco cosa ci rispondono i nostri blogger, tornati da poco dal nostro blog tour. Una settimana fa si è concluso il nostro blog tour in Giordania, un tour da Nord a Sud del paese che ha spaziato tra momenti di relax sul Mar Morto, di pura avventura alla Indiana Jones nel deserto del Wadi Rum, di spiritualità sul Monte Nebo e di cultura gastronomica. Purtroppo la Giordania, per la sua posizione geografica, è spesso considerata un paese da evitare. Con questo tour vi dimostriamo a fatti, parole, immagini e video come si vive tutt'oggi in Giordania e riportiamo un nostro parere sulla percezione della sicurezza. Nessuno infatti sa che è considerata la “Svizzera” del Medio-Oriente per la sua pace e la sua sicurezza interna garantita a locali e viaggiatori. Ce ne parlano i nostri partecipanti, 5 travel blogger che assieme a noi si sono avventurati nelle sue accoglienti terre per una settimana intera. Sara Boccolini di Viaggio AnimaMente: Non mi sono mai sentita in pericolo durante il mio ultimo viaggio. Nonostante prima di partire amici e parenti mi avessero messo ansia dicendomi "Ma sei sicura di andare?" "Stai attenta!" "Speriamo la settimana passi veloce" [e via dicendo] posso urlare al mondo che un viaggio in Giordania non è pericoloso. Non lasciatevi impaurire dai suoi confini. La Giordania è una terra di sorrisi e accoglienza. Il turismo qui è ben visto e anzi, la stessa guida, ci ha consigliato di tornare con un Fly&Drive. Quindi rilassatevi e iniziate a creare il vostro itinerario. Show must go on ;)

Amman
Amman

Paola di Viaggi&Delizie: La Giordania non è, come molti pensano, in guerra. E' vero che si trova in una zona "calda" del Medio Oriente, ma dopo aver trascorso una settimana in questa terra affascinante e attraente dal punto di vista delle persone, della storia e della cultura, posso veramente affermare che è sicura. Qualcuno ha obiettato il mio "sicura" dicendo che, certo, si parte sapendo che ci possono essere rischi. Quello che ribatto io è che non si è sicuri in nessun posto, allora! Non è vero che si è più sicuri ad andare in Svezia, in Norvegia, in Germania o in Canada, ad esempio. Ma non si è neppure sicuri ad andare a scuola in bicicletta. Il mio concetto di sicurezza, qui, sta ad esprimere la tranquillità e la rilassatezza con la quale si percorrono le vie di Amman o la Strada dei Re che taglia la Giordania da nord a sud. A tal punto che la prossima volta che ci tornerò (perchè sì, ho deciso che prima o poi ci tornerò) sceglierò la formula "fly & drive".

Confine con la Siria
Confine con la Siria

Francesco, l’unico uomo del gruppo, inviato per Non SoloTuristi: Incastrata tra Israele, Siria, Iraq e Arabia Saudita, la placida e pacifica Giordania vive da spettatore i problemi e le instabilità del turbolento Medio Oriente, ma purtroppo viene spesso etichettata per riflesso come paese pericoloso. Sinceramente non lo pensavo prima di partire e ancora meno lo credo ora che ci sono stato. Siamo stati a pochi metri dal confine israeliano e a due passi dalla Siria, ma niente e nessuno ci ha trasmesso sensazioni di pericolo o insicurezza. Il paese è tranquillo, la gente sorridente e le drammatiche notizie che arrivano dai paesi vicine sono appunto solo informazioni, non fatti. Lucia inviata per Viaggiolibera: Gli avvenimenti degli ultimi anni non collocano la Giordania in un contesto facile geopoliticamente parlando. Al contrario di quanto si potrebbe pensare, il Paese è sicuro e in pace da anni, grazie al solido Regno Hashemita. Camminando per le strade e nei maggiori siti turistici non ho mai avvertito, in alcun modo, pericolo o disagio. Le persone qui, sono amichevoli e aperte ai turisti. La Giordania è attualmente un'ottima destinazione anche per viaggi on the road. Le strade sono mantenute bene, i controlli sono frequenti, i limiti rispettati. Tuttavia, consiglio una guida o un autista, dal costo relativamente basso, per muoversi con maggiore facilità e godere appieno della bellezza del paesaggio.

Monastero di Petra
Monastero di Petra

Manuela Vitulli di Pensieri in viaggio: Avete presente quando giudichiamo una persona in maniera negativa solo perché è amica di qualcuno che non ci va a genio? Ecco, per la Giordania vale un po’ lo stesso ragionamento: il fatto che sia circondata da Paesi in tensione non significa che è un luogo pericoloso. Infatti, i rapporti pacifici che mantiene con i Paesi limitrofi le permettono di accogliere i turisti in un clima di assoluta sicurezza affinché possano affrontare il viaggio con serenità. Non è un caso se la Giordania oggi viene definita l’oasi del Medio Oriente.

Lasciati ispirare!

Scopri le nostre applicazioni
Seguici su

Prenota con noi
02 21803729
Rete fissa. Tariffa base Informativa sulla privacy
Chiudi
Homepage Destinazioni Travel Tips Food & Drink Music & Events

La Giordania è sicura?

Ecco cosa ci rispondono i nostri blogger, tornati da poco dal nostro blog tour. Una settimana fa si è concluso il nostro blog tour in Giordania, un tour da Nord a Sud del paese che ha spaziato tra momenti di relax sul Mar Morto, di pura avventura alla Indiana Jones nel deserto del Wadi Rum, di spiritualità sul Monte Nebo e di cultura gastronomica. Purtroppo la Giordania, per la sua posizione geografica, è spesso considerata un paese da evitare. Con questo tour vi dimostriamo a fatti, parole, immagini e video come si vive tutt'oggi in Giordania e riportiamo un nostro parere sulla percezione della sicurezza. Nessuno infatti sa che è considerata la “Svizzera” del Medio-Oriente per la sua pace e la sua sicurezza interna garantita a locali e viaggiatori. Ce ne parlano i nostri partecipanti, 5 travel blogger che assieme a noi si sono avventurati nelle sue accoglienti terre per una settimana intera. Sara Boccolini di Viaggio AnimaMente: Non mi sono mai sentita in pericolo durante il mio ultimo viaggio. Nonostante prima di partire amici e parenti mi avessero messo ansia dicendomi "Ma sei sicura di andare?" "Stai attenta!" "Speriamo la settimana passi veloce" [e via dicendo] posso urlare al mondo che un viaggio in Giordania non è pericoloso. Non lasciatevi impaurire dai suoi confini. La Giordania è una terra di sorrisi e accoglienza. Il turismo qui è ben visto e anzi, la stessa guida, ci ha consigliato di tornare con un Fly&Drive. Quindi rilassatevi e iniziate a creare il vostro itinerario. Show must go on ;)

Amman
Amman

Paola di Viaggi&Delizie: La Giordania non è, come molti pensano, in guerra. E' vero che si trova in una zona "calda" del Medio Oriente, ma dopo aver trascorso una settimana in questa terra affascinante e attraente dal punto di vista delle persone, della storia e della cultura, posso veramente affermare che è sicura. Qualcuno ha obiettato il mio "sicura" dicendo che, certo, si parte sapendo che ci possono essere rischi. Quello che ribatto io è che non si è sicuri in nessun posto, allora! Non è vero che si è più sicuri ad andare in Svezia, in Norvegia, in Germania o in Canada, ad esempio. Ma non si è neppure sicuri ad andare a scuola in bicicletta. Il mio concetto di sicurezza, qui, sta ad esprimere la tranquillità e la rilassatezza con la quale si percorrono le vie di Amman o la Strada dei Re che taglia la Giordania da nord a sud. A tal punto che la prossima volta che ci tornerò (perchè sì, ho deciso che prima o poi ci tornerò) sceglierò la formula "fly & drive".

Confine con la Siria
Confine con la Siria

Francesco, l’unico uomo del gruppo, inviato per Non SoloTuristi: Incastrata tra Israele, Siria, Iraq e Arabia Saudita, la placida e pacifica Giordania vive da spettatore i problemi e le instabilità del turbolento Medio Oriente, ma purtroppo viene spesso etichettata per riflesso come paese pericoloso. Sinceramente non lo pensavo prima di partire e ancora meno lo credo ora che ci sono stato. Siamo stati a pochi metri dal confine israeliano e a due passi dalla Siria, ma niente e nessuno ci ha trasmesso sensazioni di pericolo o insicurezza. Il paese è tranquillo, la gente sorridente e le drammatiche notizie che arrivano dai paesi vicine sono appunto solo informazioni, non fatti. Lucia inviata per Viaggiolibera: Gli avvenimenti degli ultimi anni non collocano la Giordania in un contesto facile geopoliticamente parlando. Al contrario di quanto si potrebbe pensare, il Paese è sicuro e in pace da anni, grazie al solido Regno Hashemita. Camminando per le strade e nei maggiori siti turistici non ho mai avvertito, in alcun modo, pericolo o disagio. Le persone qui, sono amichevoli e aperte ai turisti. La Giordania è attualmente un'ottima destinazione anche per viaggi on the road. Le strade sono mantenute bene, i controlli sono frequenti, i limiti rispettati. Tuttavia, consiglio una guida o un autista, dal costo relativamente basso, per muoversi con maggiore facilità e godere appieno della bellezza del paesaggio.

Monastero di Petra
Monastero di Petra

Manuela Vitulli di Pensieri in viaggio: Avete presente quando giudichiamo una persona in maniera negativa solo perché è amica di qualcuno che non ci va a genio? Ecco, per la Giordania vale un po’ lo stesso ragionamento: il fatto che sia circondata da Paesi in tensione non significa che è un luogo pericoloso. Infatti, i rapporti pacifici che mantiene con i Paesi limitrofi le permettono di accogliere i turisti in un clima di assoluta sicurezza affinché possano affrontare il viaggio con serenità. Non è un caso se la Giordania oggi viene definita l’oasi del Medio Oriente.