Viaggio tra le meraviglie del Guatemala

Caleidoscopio, questa è la prima parola che mi viene in mente se penso al Guatemala. Il verde della giungla di Tikal, il blu del Lago Atitlan, i colori pastello di Antigua, il rosso delle colate laviche del Pacaya e il turchese dei laghetti di Semuc Champey. Un paese piccolo, ma straordinariamente ricco di luoghi affascinanti, sorprendenti e molto diversi tra loro. Un paese facile da esplorare, economico e, nonostante i tanti allarmismi, anche sicuro. Camminando sopra un fiume di lava Base di partenza ideale per organizzare il proprio viaggio e rilassarsi dopo un lungo volo, Antigua è una delle città coloniali meglio conservate e più caratteristiche del Centro America. Decine di chiese colorate, piccole casette con patii interni e deliziose stradine di ciottolato sono circondate da tre imponenti vulcani che si stagliano maestosi nel suo orizzonte. E proprio l’escursione al Volcan Pacaya è una delle attrattive turistiche più incredibili e divertenti non solo del Guatemala ma, a mio modesto parere, di quasi tutti i paesi che ho visitato. Perché? Innanzitutto, l’ascesa al cratere è abbastanza semplice e attraversa panorami e scorci meravigliosi tra fumarole, colate di lava solidificata e viste mozzafiato della campagna sottostante. Poi, una volta arrivati in cima, le pietre cominciano a diventare man mano sempre più calde, l’aria più densa e fumosa e sentirete i vostri piedi stranamente molto caldi. State camminando su un vulcano attivo e, in particolare, su lingue di lava incandescente che sgorgano dal cuore del vulcano e scivolano lente lungo i suoi pendii. Le colate rosso fuoco sono ovunque e non ci sono parole per descrivere le emozioni che si provano ad essere nel mezzo di una natura così potente e impetuosa.

Volcan Pacaya, Guatemala
Colata di lava sul Volcan Pacaya

Dolce far niente sul lago Atitlán Lago vulcanico circondato da scenografici coni attivi e ornato di sonnolenti paesini, Atitlán è perfetto per rilassarsi all’aria aperta, dondolare su un’amaca e bersi una birra ammirando un panorama magico. Ogni pueblo ha la sua caratteristica, San Pedro è quello hippy, San Marcos quello romantico e così via. Scegliete quello più adatto al vostro mood e passate il tempo tra un giro in kayak sulle placide acqua di questo lago e una passeggiata tra le bancarelle del mercatino di artigianato domenicale a Santiago.

Lago Atitlan, Guatemala
Escursione in Kayak sul Lago Atitlan

Specchi d’acqua turchese incastonati nella giungla I dintorni di Lanquin sono spesso trascurati dai viaggiatori più frettolosi, ma questa zona nasconde alcuni piccoli tesori che vale la pena scoprire. Il più interessante è sicuramente l’area di Semuc Champey, dove è possibile immergersi in una natura selvaggia tra grotte, cascate, pozze d’acqua e trekking nella foresta. Ognuno può vivere questo posto nella maniera che preferisce. I più adrenalinici si divertiranno facendo tuffi da oltre 10 metri in un fiume impetuoso ed esplorando le grotte di Kan Ba, completamente buie e piene d’acqua, a lume di candela. Chi cerca il relax invece può immergersi nelle fresche acque turchesi dei famosi laghetti, prendere il sole circondati da panorami incantevoli o passeggiare nel fitto della foresta.

Semuc Champey, Guatemala
Laghetti di Semuc Champey

Godersi il fascino dei templi maya in solitudineTikal è uno dei siti archeologici più famosi del mondo, ma con un pizzico di attenzione e organizzazione potrete avere il parco quasi tutto per voi. Arrivate nel pomeriggio, quando le frotte di turisti tornano nei loro hotel e fatevi subito una passeggiata tra i sentieri immersi nella fitta vegetazione e scalate alcuni dei templi più alti per godervi una vista sensazionale. Il tramonto prima e il crepuscolo poi tingono Tikal di colori e atmosfere completamente diverse che vanno assaporate con calma. Il buio diventa totale e dopo una cenetta a lume di lampadina o pila, dormite in uno dei campeggi/hotel all’interno del parco. Dopo una notte cullati su un’amaca e avvolti nei suoni della giungla, alzatevi presto quando ancora non c’è nessuno in giro ed esplorate i magnifici templi di Tikal con le prime luci del giorno che creano un’atmosfera magica e incantata.

Tikal, Guatemala
Tramonto tra i templi di Tikal

La cosa più incredibile del Guatemala non è la quantità o la varietà delle sue attrattive, ma il fatto che ogni luogo può essere scoperto in maniera diversa e alternativa rispetto ai grandi circuiti turistici. Bastano piccoli accorgimenti come cambiare orario, guida o percorso e si riescono a vivere esperienze uniche e memorabili, che difficilmente mi è capitato di vivere in altri paesi. Questo che vi ho raccontato è solo un assaggio di un paese che ha molto di più da offrire al viaggiatore pronto a lasciarsi stupire e coinvolgere da un’infinità di luoghi sorprendenti.

Lasciati ispirare!

Scopri le nostre applicazioni
Seguici su

Prenota con noi
02 21803729
Rete fissa. Tariffa base Informativa sulla privacy
Chiudi
Homepage Destinazioni Travel Tips Food & Drink Music & Events

Viaggio tra le meraviglie del Guatemala

Caleidoscopio, questa è la prima parola che mi viene in mente se penso al Guatemala. Il verde della giungla di Tikal, il blu del Lago Atitlan, i colori pastello di Antigua, il rosso delle colate laviche del Pacaya e il turchese dei laghetti di Semuc Champey. Un paese piccolo, ma straordinariamente ricco di luoghi affascinanti, sorprendenti e molto diversi tra loro. Un paese facile da esplorare, economico e, nonostante i tanti allarmismi, anche sicuro. Camminando sopra un fiume di lava Base di partenza ideale per organizzare il proprio viaggio e rilassarsi dopo un lungo volo, Antigua è una delle città coloniali meglio conservate e più caratteristiche del Centro America. Decine di chiese colorate, piccole casette con patii interni e deliziose stradine di ciottolato sono circondate da tre imponenti vulcani che si stagliano maestosi nel suo orizzonte. E proprio l’escursione al Volcan Pacaya è una delle attrattive turistiche più incredibili e divertenti non solo del Guatemala ma, a mio modesto parere, di quasi tutti i paesi che ho visitato. Perché? Innanzitutto, l’ascesa al cratere è abbastanza semplice e attraversa panorami e scorci meravigliosi tra fumarole, colate di lava solidificata e viste mozzafiato della campagna sottostante. Poi, una volta arrivati in cima, le pietre cominciano a diventare man mano sempre più calde, l’aria più densa e fumosa e sentirete i vostri piedi stranamente molto caldi. State camminando su un vulcano attivo e, in particolare, su lingue di lava incandescente che sgorgano dal cuore del vulcano e scivolano lente lungo i suoi pendii. Le colate rosso fuoco sono ovunque e non ci sono parole per descrivere le emozioni che si provano ad essere nel mezzo di una natura così potente e impetuosa.

Volcan Pacaya, Guatemala
Colata di lava sul Volcan Pacaya

Dolce far niente sul lago Atitlán Lago vulcanico circondato da scenografici coni attivi e ornato di sonnolenti paesini, Atitlán è perfetto per rilassarsi all’aria aperta, dondolare su un’amaca e bersi una birra ammirando un panorama magico. Ogni pueblo ha la sua caratteristica, San Pedro è quello hippy, San Marcos quello romantico e così via. Scegliete quello più adatto al vostro mood e passate il tempo tra un giro in kayak sulle placide acqua di questo lago e una passeggiata tra le bancarelle del mercatino di artigianato domenicale a Santiago.

Lago Atitlan, Guatemala
Escursione in Kayak sul Lago Atitlan

Specchi d’acqua turchese incastonati nella giungla I dintorni di Lanquin sono spesso trascurati dai viaggiatori più frettolosi, ma questa zona nasconde alcuni piccoli tesori che vale la pena scoprire. Il più interessante è sicuramente l’area di Semuc Champey, dove è possibile immergersi in una natura selvaggia tra grotte, cascate, pozze d’acqua e trekking nella foresta. Ognuno può vivere questo posto nella maniera che preferisce. I più adrenalinici si divertiranno facendo tuffi da oltre 10 metri in un fiume impetuoso ed esplorando le grotte di Kan Ba, completamente buie e piene d’acqua, a lume di candela. Chi cerca il relax invece può immergersi nelle fresche acque turchesi dei famosi laghetti, prendere il sole circondati da panorami incantevoli o passeggiare nel fitto della foresta.

Semuc Champey, Guatemala
Laghetti di Semuc Champey

Godersi il fascino dei templi maya in solitudineTikal è uno dei siti archeologici più famosi del mondo, ma con un pizzico di attenzione e organizzazione potrete avere il parco quasi tutto per voi. Arrivate nel pomeriggio, quando le frotte di turisti tornano nei loro hotel e fatevi subito una passeggiata tra i sentieri immersi nella fitta vegetazione e scalate alcuni dei templi più alti per godervi una vista sensazionale. Il tramonto prima e il crepuscolo poi tingono Tikal di colori e atmosfere completamente diverse che vanno assaporate con calma. Il buio diventa totale e dopo una cenetta a lume di lampadina o pila, dormite in uno dei campeggi/hotel all’interno del parco. Dopo una notte cullati su un’amaca e avvolti nei suoni della giungla, alzatevi presto quando ancora non c’è nessuno in giro ed esplorate i magnifici templi di Tikal con le prime luci del giorno che creano un’atmosfera magica e incantata.

Tikal, Guatemala
Tramonto tra i templi di Tikal

La cosa più incredibile del Guatemala non è la quantità o la varietà delle sue attrattive, ma il fatto che ogni luogo può essere scoperto in maniera diversa e alternativa rispetto ai grandi circuiti turistici. Bastano piccoli accorgimenti come cambiare orario, guida o percorso e si riescono a vivere esperienze uniche e memorabili, che difficilmente mi è capitato di vivere in altri paesi. Questo che vi ho raccontato è solo un assaggio di un paese che ha molto di più da offrire al viaggiatore pronto a lasciarsi stupire e coinvolgere da un’infinità di luoghi sorprendenti.