Weekend a Granada: cosa vedere e fare con meno di 250 euro

Cosa vedere e come organizzare un weekend a Granada spendendo meno di 250€? Un detto spagnolo recita: "Chi non ha visto Granada, non ha visto nulla". Ed è proprio vero: Granada ti rimane nel cuore dopo averla visitata. Gioiello di architettura e cultura e famosa per il suo importante patrimonio architettonico che risente della dominazione araba, il grazioso centro storico medievale della città e ben due siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, Granada può offrire molte esperienze uniche partendo da un budget di 250€ volo + hotel compresi. Di seguito vi consigliamo le principali cose da fare e vedere assolutamente durante un viaggio di un weekend.

VISITARE L'ALHAMBRA

Granada

Perla di Granada nonché immancabile attrazione da visitare è l’Alhambra, antica dimora dei sovrani musulmani e uno dei simboli più importanti del dominio arabo sulla città: un monumento di valore architettonico assoluto tanto da esser stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. L’Alhambra è una cittadella fortificata, situata in cima a una delle tante colline che incorniciano la città di Granada, costruita nell’arco di 3 secoli, prima dai sultani Zairiti e poi dagli emiri Nasridi. La visita al complesso dell’Alhambra comprende l’ingresso ai meravigliosi giardini del Generalife, ai Palazzi Nasridi, al Palazzo di Carlo V e all’Alcazaba. Una visita completa richiede almeno una mezza giornata e il consiglio è quello di prenotare online la visita in anticipo, prima di partire. Presentarsi in loco e pensare di comprare i biglietti sul momento è una follia! I tempi di attesa possono durare ore. Un consiglio: è bene sapere che quando si acquista il biglietto online è indicato un orario. Questo non è l’orario in cui è possibile accedere all’Alhambra bensì è l’orario per visitare la parte più bella dell’Alhambra cioè i Palacios Nazaries. In sintesi, l’orario che si sceglie online al momento dell’acquisto riguarda solamente l’accesso a questa parte (la più bella) mentre al complesso dell’Alhambra si può accedere a qualsiasi ora del giorno della prenotazione. Il costo di ingresso è di €14 e gli orari di apertura sono i seguente: dal 15 ottobre al 14 marzo tutti i giorni dalle 8:30 alle 18:00, con visita notturna il venerdì e il sabato dalle 20:00 alle 21:30; dal 15 marzo al 14 ottobre dalle 8:00 alle 20:00 con visita notturna dalle 22:00 alle 23:30.

IL QUARTIERE ALBAYZIN E IL SACROMONTE

Granada

L’Albacìn è l'antico quartiere in cui si stanziarono i Mori dopo la Reconquista, dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Unesco Reconquista e ancora oggi abitato prevalentemente da musulmani. Un giro all’Albayzin è una passeggiata in salita lungo il versante di una delle colline che circondano Granada. Ricorda una medina marocchina, con stradine strette e tutte in salita. A metà del tragitto si trova il Mirador de San Nicolas, una vera e propria terrazza sulla città che vanta la più bella vista sull'Alhambra che dal Mirador rimane proprio davanti agli occhi. Il Sacromonte invece è la collina dei gitani, luogo dov'è nato il flamenco. Le case qui si chiamano cuevas (cave) in quanto sono scavate nella roccia e i locali di flamenco più autentici e famosi si trovano proprio su questa collina. Sia Albayzin che Sacromonte si possono raggiungere a piedi oppure in bus (il consiglio è quello di salire in autobus e scendere verso Granada a piedi).

FARE L'HAMMAM

Granada

Assolutamente da provare a Granada è l’hammam ovvero entrare in uno dei tipici bagni arabi, strutture termali in stile andaluso in cui “i musulmani effettuano il ghuṣl, o lavacro maggiore, o il wuḍūʾ , o lavacro minore, per conseguire la ṭahāra, o purità rituale, indispensabile per poter poi adempiere all'obbligo canonico della ṣalāt giornaliera”. Esistono vari complessi in città che offrono questo trattamento ma uno degli hammam più belli e famosi di Granada è Al Andaluz, in Calle Sta. Ana 16, situato in un edificio del 13° secolo scavato nella roccia di una montagna e minuziosamente decorato con mosaici colorati. Per altro questi sono i primi bagni turchi ad esser stati riaperti in Europa dopo la loro chiusura nel 16° secolo. Il luogo ideale per rilassarsi durante un soggiorno a Granada. Qui è possibile fare bagni rilassanti, massaggi e il rituale Andaluz, il servizio più completo che comprende bagno, massaggio tradizionale e massaggio rilassante con la schiuma, tipico del vero Hammam (costo 55 euro). Nell’hammam vengono forniti asciugamani, sapone per la doccia, crema per corpo, salviette per struccarsi, olio, dopobarba e sacchettini di plastica trasparenti per il costume bagnato: l’unica cosa da portare con se è il costume e le ciabatte per gli spogliatoi (nelle vasche si entra rigorosamente scalzi!).

MUOVERSI A PIEDI (O COL BUS)

Granada ha un centro piccolo e grazioso che può tranquillamente essere girato a piedi, specialmente se scegliete di alloggiare in centro. È consigliabile invece muoversi in autobus per gli spostamenti alle colline circostanti (Alhambra, Sacromonte e Albayzin): tutti i bus partono dalla centralissima Plaza Nueva.

Lasciati ispirare!

Scopri le nostre applicazioni
Seguici su

Prenota con noi
02 21803729
Rete fissa. Tariffa base Informativa sulla privacy
Chiudi
Homepage Destinazioni Travel Tips Food & Drink Music & Events

Weekend a Granada: cosa vedere e fare con meno di 250 euro

Cosa vedere e come organizzare un weekend a Granada spendendo meno di 250€? Un detto spagnolo recita: "Chi non ha visto Granada, non ha visto nulla". Ed è proprio vero: Granada ti rimane nel cuore dopo averla visitata. Gioiello di architettura e cultura e famosa per il suo importante patrimonio architettonico che risente della dominazione araba, il grazioso centro storico medievale della città e ben due siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, Granada può offrire molte esperienze uniche partendo da un budget di 250€ volo + hotel compresi. Di seguito vi consigliamo le principali cose da fare e vedere assolutamente durante un viaggio di un weekend.

VISITARE L'ALHAMBRA

Granada

Perla di Granada nonché immancabile attrazione da visitare è l’Alhambra, antica dimora dei sovrani musulmani e uno dei simboli più importanti del dominio arabo sulla città: un monumento di valore architettonico assoluto tanto da esser stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. L’Alhambra è una cittadella fortificata, situata in cima a una delle tante colline che incorniciano la città di Granada, costruita nell’arco di 3 secoli, prima dai sultani Zairiti e poi dagli emiri Nasridi. La visita al complesso dell’Alhambra comprende l’ingresso ai meravigliosi giardini del Generalife, ai Palazzi Nasridi, al Palazzo di Carlo V e all’Alcazaba. Una visita completa richiede almeno una mezza giornata e il consiglio è quello di prenotare online la visita in anticipo, prima di partire. Presentarsi in loco e pensare di comprare i biglietti sul momento è una follia! I tempi di attesa possono durare ore. Un consiglio: è bene sapere che quando si acquista il biglietto online è indicato un orario. Questo non è l’orario in cui è possibile accedere all’Alhambra bensì è l’orario per visitare la parte più bella dell’Alhambra cioè i Palacios Nazaries. In sintesi, l’orario che si sceglie online al momento dell’acquisto riguarda solamente l’accesso a questa parte (la più bella) mentre al complesso dell’Alhambra si può accedere a qualsiasi ora del giorno della prenotazione. Il costo di ingresso è di €14 e gli orari di apertura sono i seguente: dal 15 ottobre al 14 marzo tutti i giorni dalle 8:30 alle 18:00, con visita notturna il venerdì e il sabato dalle 20:00 alle 21:30; dal 15 marzo al 14 ottobre dalle 8:00 alle 20:00 con visita notturna dalle 22:00 alle 23:30.

IL QUARTIERE ALBAYZIN E IL SACROMONTE

Granada

L’Albacìn è l'antico quartiere in cui si stanziarono i Mori dopo la Reconquista, dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Unesco Reconquista e ancora oggi abitato prevalentemente da musulmani. Un giro all’Albayzin è una passeggiata in salita lungo il versante di una delle colline che circondano Granada. Ricorda una medina marocchina, con stradine strette e tutte in salita. A metà del tragitto si trova il Mirador de San Nicolas, una vera e propria terrazza sulla città che vanta la più bella vista sull'Alhambra che dal Mirador rimane proprio davanti agli occhi. Il Sacromonte invece è la collina dei gitani, luogo dov'è nato il flamenco. Le case qui si chiamano cuevas (cave) in quanto sono scavate nella roccia e i locali di flamenco più autentici e famosi si trovano proprio su questa collina. Sia Albayzin che Sacromonte si possono raggiungere a piedi oppure in bus (il consiglio è quello di salire in autobus e scendere verso Granada a piedi).

FARE L'HAMMAM

Granada

Assolutamente da provare a Granada è l’hammam ovvero entrare in uno dei tipici bagni arabi, strutture termali in stile andaluso in cui “i musulmani effettuano il ghuṣl, o lavacro maggiore, o il wuḍūʾ , o lavacro minore, per conseguire la ṭahāra, o purità rituale, indispensabile per poter poi adempiere all'obbligo canonico della ṣalāt giornaliera”. Esistono vari complessi in città che offrono questo trattamento ma uno degli hammam più belli e famosi di Granada è Al Andaluz, in Calle Sta. Ana 16, situato in un edificio del 13° secolo scavato nella roccia di una montagna e minuziosamente decorato con mosaici colorati. Per altro questi sono i primi bagni turchi ad esser stati riaperti in Europa dopo la loro chiusura nel 16° secolo. Il luogo ideale per rilassarsi durante un soggiorno a Granada. Qui è possibile fare bagni rilassanti, massaggi e il rituale Andaluz, il servizio più completo che comprende bagno, massaggio tradizionale e massaggio rilassante con la schiuma, tipico del vero Hammam (costo 55 euro). Nell’hammam vengono forniti asciugamani, sapone per la doccia, crema per corpo, salviette per struccarsi, olio, dopobarba e sacchettini di plastica trasparenti per il costume bagnato: l’unica cosa da portare con se è il costume e le ciabatte per gli spogliatoi (nelle vasche si entra rigorosamente scalzi!).

MUOVERSI A PIEDI (O COL BUS)

Granada ha un centro piccolo e grazioso che può tranquillamente essere girato a piedi, specialmente se scegliete di alloggiare in centro. È consigliabile invece muoversi in autobus per gli spostamenti alle colline circostanti (Alhambra, Sacromonte e Albayzin): tutti i bus partono dalla centralissima Plaza Nueva.