Menu
My Volagratis Serve aiuto?

Brexit: quali sono le conseguenze sulla mia vacanza nel Regno Unito nel 2019?

Molti di voi stanno programmando le loro vacanze per il 2019 e alcuni hanno già prenotato il loro soggiorno. Le discussioni e i negoziati in corso sulla Brexit però ci lasciano nell'incertezza: quale effetto avrà la Brexit sui nostri viaggi nel Regno Unito?

Ecco perché abbiamo pensato di raccogliere qui le principali informazioni relative alla Brexit con qualche consiglio su come viaggiare nel Regno Unito dopo il 29 marzo 2019.

Sebbene la situazione politica rimanga ancora incerta, continueremo ad aggiornare questa pagina con le informazioni disponibili .

 

Cosa succederà se il Regno Unito lascia l'UE?

Servirà il passaporto per viaggiare nel Regno Unito dopo la Brexit?

Fino al 29 marzo 2019, al viaggiatore basterà avere un passaporto valido o una carta d'identità nazionale.

Dopo il 29 marzo 2019, nel caso di un accordo, le condizioni per entrare nel Regno Unito saranno le stesse fino al 31 dicembre 2020. Nell’ipotesi di un “non accordo” invece, il viaggiatore dovrà essere munito di passaporto.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare la pagina della Farnesina dedicata alla Brexit.

 

Ho bisogno di più tempo per passare il controllo identità (passaporti) post-Brexit?

Se viaggi nel Regno Unito dopo la Brexit, tieni presente che dovrai concederti più tempo in aeroporto, porto o stazione, per passare il controllo. La distribuzione delle code per il controllo passaporti potrà essere modificata e avrà un impatto sul tempo di attesa. Anche se non sarà necessario un visto, è possibile che vengano eseguiti controlli più minuziosi, ad esempio sulla durata o sul motivo del soggiorno; questo implica un tempo di attesa aggiuntivo. Se si viaggia dopo il 29 marzo 2019 è molto probabile che si verifichino disservizi ai controlli alle frontiere principalmente a causa del cambio di sistema.


Avrò bisogno di un visto per viaggiare nel Regno Unito dopo Brexit?

Fino al 29 marzo 2019 non sarà necessario alcun visto per viaggiare nel Regno Unito. Ciò che succederà dopo il 29 marzo rimane ancora incerto: la Commissione europea ha annunciato nel novembre 2018 la possibilità di un accordo bilaterale con il Regno Unito sulla mobilità dei cittadini europei e britannici senza la necessità di un visto.

Su questo punto vi invitiamo a consultare la pagina dell'Ambasciata italiana nel Regno Unito sui diritti di mobilità dei cittadini dell'Unione europea nel Regno Unito.

 

E a proposito dei voli dall'Europa al Regno Unito?

Per il momento (gennaio 2019), nulla cambia per quanto riguarda i permessi di volo fino a dicembre 2020. Le compagnie aeree saranno in grado di operare senza interruzioni tra il Regno Unito e l'Europa - anche nel caso di uno scenario di non accordo.

 

Cosa succede se ho prenotato un viaggio con partenza dopo il 29 marzo 2019?

Attualmente la Commissione europea assicura che i voli da e verso il Regno Unito continueranno a funzionare normalmente. Se hai prenotato con Volagratis, ti possiamo garantire che la tua prenotazione è in buone mani e aggiorneremo questa pagina con le informazioni necessarie non appena saranno disponibili. Allo stato attuale, tutte le prenotazioni con partenza dopo il 29 marzo 2019 sono confermate.

 

La tessera europea di assicurazione malattia sarà ancora valida?

La tessera europea di assicurazione malattia (TEAM - sul retro della Tessera Sanitaria nazionale) consente attualmente l'accesso all’assistenza medica in qualsiasi paese dell'UE e l’intenzione sarebbe quella di non apportare modifiche fino alla fine del periodo di transizione a dicembre 2020.  Tuttavia, la situazione non è chiara: con il Regno Unito fuori dall'Unione Europea, gli accordi sul TEAM potrebbero perdere la loro validità.

Consigliamo ai nostri clienti di prendere in considerazione l’acquisto di un’assicurazione di viaggio, indipendentemente dalla Brexit. Se invece sei coperto da un’assicurazione privata, ti suggeriamo di informarti sull’eventuale copertura in caso di Brexit.

 

Assisteremo al ritorno del duty free con la Brexit?

Attualmente il franchising Duty Free è disponibile quando si viaggia da o verso un paese che non si trova nell'Unione Europea. Per giustificare il beneficio di questa libertà fiscale, potrebbe essere richiesto il tuo biglietto aereo. Nel caso della Brexit, accordo o non accordo, è difficile sapere se questa libertà fiscale sarà applicata. Potete trovare maggiori informazioni sul sito web della Commissione europea.


Posso viaggiare con il mio animale domestico nel Regno Unito?

Secondo il sito web Visit Britain, per evitare la quarantena del tuo animale domestico dovresti assicurarti che:

- la vaccinazione contro la rabbia sia stata fatta almeno 21 giorni prima della data prevista di viaggio;

- il trattamento anti-vermifugo da 1 a 5 giorni prima del viaggio.

- Il tuo animale sia provvisto di un chip o un tatuaggio elettronico (solo se tatuato prima del 3 luglio 2011) con un numero di identificazione;

- il passaporto rilasciato dal veterinario sia in corso di validità.

Se pensi di viaggiare con il tuo animale domestico dopo il 29 marzo 2019, ti suggeriamo di rivolgerti a un veterinario almeno quattro mesi prima del soggiorno.

È possibile trovare ulteriori informazioni sui viaggi con gli animali domestici nel Regno Unito sul sito web di Visitbritain.

 

Cosa cambierà con l'uso dei telefoni cellulari nel Regno Unito dopo Brexit?

Dipenderà dal tuo operatore di telefonia mobile. Attualmente l'uso dei telefoni cellulari nel Regno Unito è legato alle norme dell'UE per effettuare chiamate, ricevere messaggi e avere accesso a Internet dal proprio telefono (roaming dati). In caso di Brexit questo potrebbe cambiare. Tuttavia alcuni operatori inglesi hanno già manifestato l’intenzione di continuare a offrire questo vantaggio. Ti invitiamo a contattare il tuo operatore per ulteriori informazioni.

 

Le regole per l'utilizzo della carta di credito cambieranno dopo la Brexit?

Non c'è modo di sapere se la Brexit avrà un effetto sul cambio. Per quanto riguarda le carte di credito, vi invitiamo a verificare presso la vostra banca le politiche di utilizzo all'estero e se sono previsti costi aggiuntivi dopo la Brexit.

 

Dove puoi trovare ulteriori informazioni e consigli di viaggio dopo la Brexit?

Il sito web dell'Ambasciata italiana nel Regno Unito pubblica regolarmente sviluppi sulla Brexit e la Commissione europea aggiorna costantemente la sua pagina web dedicata.