Quando andare in Kenya: periodo migliore e clima

Segui la nostra guida per goderti il meglio del Kenya.

Vuoi partire per l'avventura più indimenticabile della tua vita? Allora la destinazione non può essere che il Kenya. Con i suoi paesaggi mozzafiato, la straordinaria fauna selvatica, le tradizioni culturali e, non ultime, le sue spiagge da sogno, questo paese dell'Africa orientale promette la vacanza della vita. Ma quando andare?

  1. Il clima in Kenya durante l'anno
  2. Quali luoghi visitare
  3. Vacanze in Kenya per tutte le tasche
  4. Cosa fare in Kenya
  5. Gli eventi da non perdere

Trovare il periodo migliore per visitare questo paese meraviglioso può fare la differenza tra un'esperienza indimenticabile e una deludente. Tenendo conto delle condizioni meteorologiche e delle festività locali, puoi pianificare il viaggio perfetto, incluse le pianure del Maasai Mara, i safari alla scoperta della ricchissima fauna e le spiagge incontaminate.

1. Il clima in Kenya durante l'anno

Il territorio del Kenya è molto vasto e variegato, di conseguenza il clima varia a seconda delle regioni e delle altitudini. In generale si possono identificare due stagioni delle piogge: la stagione delle lunghe piogge tra marzo e maggio, e la stagione delle brevi piogge tra ottobre e novembre. Durante la stagione delle lunghe piogge, come suggerisce il nome, il paese è soggetto a forti precipitazioni, rendendo alcune strade impraticabili e limitando le possibilità di osservare la fauna selvatica. Al contrario, durante la stagione brevi delle piogge, le precipitazioni sono generalmente meno intense e meno frequenti. I mesi più secchi e soleggiati, ideali per visitare il Kenya, vanno da giugno a settembre e da dicembre a febbraio. In questi periodi, le condizioni meteorologiche sono più favorevoli per esplorare i parchi nazionali, come il Maasai Mara, e osservare la straordinaria fauna selvatica del paese. In conclusione, l'estate e l'inverno sono le stagioni migliori, magari potresti decidere di passare qui Natale e Capodanno.

Il consiglio in più: tra luglio e ottobre puoi assistere alla grande migrazione degli gnu, un evento spettacolare.

2. Quali luoghi visitare

Il Kenya è una destinazione a dir poco affascinante, che ti porterai nel cuore grazie ai suoi paesaggi e alle esperienze che potrai vivere. Iniziamo dal suo cuore pulsante, Nairobi. La vivace capitale del Kenya offre tantissime attrazioni, tra cui il suo Parco Nazionale, situato a pochi chilometri dal centro città, dove è possibile avvistare rinoceronti, leoni, bufali e molte altre specie, oppure il David Sheldrick Wildlife Trust, famoso per il suo programma di salvataggio di elefanti orfani, un'esperienza imperdibile per gli amanti degli animali. Una visita in Kenya non sarebbe completa senza esplorare il famoso Maasai Mara National Reserve, che vanta una fauna selvatica eccezionale e spettacolari paesaggi. Questa riserva è particolarmente rinomata per la grande migrazione, un fenomeno naturale che vede milioni di gnu e zebre attraversare il territorio tra luglio e ottobre. Se ami la montagna, il Monte Kenya, la seconda cima più alta dell'Africa, offre l'opportunità di vivere un'avventura di trekking mozzafiato tra le sue vette innevate. Infine, la costa del Kenya, con le sue spiagge di sabbia bianca e le acque cristalline, è un luogo ideale per rilassarsi e godersi il sole, oltre a praticare snorkeling e immersioni subacquee.

Il consiglio in più: se ami la storia e l'archeologia, devi assolutamente visitare le rovine storiche di Malindi.

3. Vacanze in Kenya per tutte le tasche

Visitare il Kenya senza spendere una fortuna non è possibile, anzi, basta seguire alcuni consigli per ottimizzare il budget. Innanzitutto, pianifica il tuo viaggio durante la bassa stagione, tra aprile e giugno, quando i prezzi degli alloggi e dei voli sono generalmente più bassi. Tuttavia, tieni presente che questo periodo coincide con la fine della stagione delle lunghe piogge, il che potrebbe influire su alcune esperienze, come i safari. Riguardo agli alloggi, cerca ostelli, pensioni o case per le vacanze locali, spesso più economici rispetto a hotel e resort. Ti consigliamo, inoltre, di prendere in considerazione il campeggio nei parchi nazionali per un'esperienza più autentica e conveniente. Per risparmiare sui costi dei safari, opta per tour di gruppo condivisi, che sono generalmente meno costosi rispetto ai safari privati. Infine, per il cibo, scegli di mangiare nei mercati locali e nelle bancarelle di strada, dove potrai gustare deliziosi piatti tradizionali a prezzi più accessibili.

Il consiglio in più: per muoverti usa i mezzi pubblici collettivi come il mutatu, un furgoncino che ti lascia dove vuoi.

4. Cosa fare in Kenya

Tra i tradizionali safari e alle escursioni montane, il Kenya è il paese dei balocchi per chi ama le avventure nella natura. Tra le attività a cui puoi dedicarti in questo affascinante paese africano, il rafting sulle rapide del fiume Tana è una sfida all'adrenalina imperdibile. Un'altra esperienza che vale la pena di provare è l'esplorazione dell'incredibile Hell's Gate National Park. Caratterizzato da ampi panorami, rocce vulcaniche e gole profonde, il parco offre la possibilità di fare escursioni a piedi o in bicicletta tra paesaggi mozzafiato e di avvistare animali selvatici come gazzelle, zebre e antilopi. Per immergersi nella cultura locale, è consigliabile visitare l'isola di Lamu, al largo della costa del Kenya. Questo luogo incantevole, dove il tempo sembra essersi fermato, permette di passeggiare per le strette strade della città vecchia, patrimonio dell'UNESCO, e di ammirare l'architettura swahili. Infine, un'esperienza davvero indimenticabile è sorvolare la Rift Valley in mongolfiera. I panorami mozzafiato e l'osservazione della fauna selvatica da una prospettiva unica rendono questa attività un must per chi visita il Kenya.

Il consiglio in più: che ne dici di un safari di notte? Osserva gli animali sotto le stelle, non te ne pentirai.

5. Gli eventi da non perdere

Un tour della cultura e delle tradizioni del Kenya è altrettanto imperdibile quanto quello delle sue attrazioni naturali. Uno degli eventi più importanti del paese è il Madaraka Day, che si celebra il 1° giugno di ogni anno. Questa festa nazionale commemora l'indipendenza del Kenya dal dominio britannico e viene celebrata con sfilate, discorsi ufficiali e spettacoli di danza e musica tradizionale. Un altro evento imperdibile è il Maralal International Camel Derby, che si svolge annualmente ad agosto nella città di Maralal. Questa competizione di cammelli attrae partecipanti da tutto il mondo e offre anche gare di mountain bike e una serie di attività culturali e artistiche. Il Lamu Cultural Festival, che si tiene ogni novembre sull'isola di Lamu, è un'occasione per celebrare la ricca cultura swahili del Kenya. L'evento include gare di barche a vela, competizioni di poesia, spettacoli di danza tradizionale e degustazioni di piatti locali. Partecipare a celebrazioni come queste può arricchire notevolmente la tua esperienza di viaggio alla scoperta del lato più autentico del Kenya.

Il consiglio in più: non perdere il Mombasa Carnival, che si tiene a novembre con musica dal vivo e danze tradizionali.

Potrebbe interessarti anche:

Trova la destinazione perfetta per te!

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai offerte esclusive e le nostre migliori proposte.

In più, imperdibili consigli di viaggio, per trovare sempre nuove mete.