Ecco che cosa vedere alle Isole Pontine

Scopri le più selvagge isole del Tirreno

Un paradiso al centro del Mar Tirreno, sono le isole dell'arcipelago pontino. Panorami mozzafiato, natura selvaggia, acque cristalline, e non solo! Tra l'ospitalità dei residenti, il clima temperato e i pittoreschi villaggi, scommettiamo che queste 6 isole ti entreranno nel cuore.

Non ci sono vie di mezzo: alcune isole sono quasi disabitate, altre sono più mondane e vivaci. In tutte troverai un'atmosfera tipicamente mediterranea, natura incontaminata e acque trasparenti.

Ponza, l'isola chic

Ponza ha un fascino irresistibile, sia di giorno che di notte. Se ami la vita di mare, ti lasceranno senza fiato i colori candidi di Chiaia di Luna. Ma anche i tramonti di Lucia Rosa, le piscine naturali nella baia di Cala Fèola e l'effetto scenografico, visibile solo dal mare, della spiaggia del Frontone. Se ti piace fare le ore piccole, Ponza è perfetta: basta esplorare i vicoli o fare una passeggiata nei pressi del porto per scoprire la vitalità del borgo. Troverai ristoranti di pesce, locali alla moda e botteghe d'artigianato.

Cosa fare: percorrere il sentiero che porta allo Scoglio della Tartaruga per poi raggiungere le piscine naturali.

Santo Stefano, il trionfo della natura

Un silenzio surreale è l'indiscusso protagonista in questo lembo di arcipelago. Raggiungibile solo con imbarcazioni private, l'isola di Santo Stefano è disabitata e priva di costruzioni. L'unico edificio presente è un'antica struttura carceraria della fine del Settecento dal fascino intatto. Preparati ad ammirare la sua natura selvaggia. Ma anche colori e suoni inconsueti e profumi inebrianti: non a caso l'isola è una riserva naturale. Vuoi staccare la spina dalla quotidianità? Qui troverai la pace e la tranquillità che cerchi.

Cosa fare: ammirare dal mare il carcere borbonico. Non passa certo inosservato con la sua imponenza e la forma circolare.

Ventotene, l'isola nera

"Sbarcando sull'isola, ti sorprenderà il colore nero delle spiagge. Si deve all'origine vulcanica di Ventotene. Ami le immersioni? Non perderti i fondali dell'isola: custodiscono i resti del traghetto Santa Lucia, affondato nel 1943. Vai a Punta Pascone, invece, per ammirare l'ampia grotta celata dalla sabbia lavica. Tra le tappe obbligatorie, anche la spiaggia di Cala Nave, la maestosa Villa Giulia con le terme e il porto romano. Altri luoghi da non perdere sono l'osservatorio ornitologico e l'antica pescheria romana modellata nelle rocce di tufo. Cosa fare: una ""passeggiata sott'acqua"" per esplorare i fondali incontaminati di Punta Eolo, Punta Pascone e Punta dell'Arco."

Cosa fare: una "passeggiata sott'acqua" per esplorare i fondali incontaminati di Punta Eolo, Punta Pascone e Punta dell'Arco.

Palmarola, l'isola incontaminata

A Palmarola gli eccessi sono messi al bando. Il tempo scorre lento e potrai trascorrere la tua vacanza secondo i ritmi della natura. Vi è un solo approdo e non sono presenti costruzioni, se non delle pittoresche abitazioni scavate nella roccia. La natura è spettacolare e la costa è un susseguirsi di piccole cale raggiungibili solo via mare. Protetta dal faraglione di San Silverio, Cala del Porto è una spiaggia di ciottoli misti a sabbia. Il punto di partenza perfetto per scoprire i colori e i profumi dell'isola.

Cosa fare: ammirare la Cattedrale, un'imponente parete rocciosa che deve il suo nome alla sua particolare forma.

Zannone, l'isola verde

Completamente disabitata e inserita nel Parco Nazionale del Circeo, Zannone si distingue dalle altre isole dell'arcipelago per la ricca e rigogliosa vegetazione mediterranea. Non a caso, è luogo di sosta per migliaia di uccelli migratori. È conosciuta per il suo litorale incontaminato e per i fondali ricoperti da selve di gorgonie fluttuanti. Ma non solo: custodisce anche i resti di un monastero cistercense e rocce risalenti a 200 milioni di anni fa. In un'isola così silenziosa e affascinante, potrai goderti appieno una vacanza all'insegna dell'essenzialità.

Cosa fare: trekking, percorrendo il sentiero che parte da un'antica peschiera, raggiunge il belvedere e termina al faro.

Gavi, l'isola senza spiagge

L'isola di Gavi ha pochi abitanti: tra questi, il gabbiano reale e il falco pellegrino, che proprio qui amano nidificare. Potresti imbatterti anche in un lucertolone scuro: un simpatico rettile che vive solo qui. Di origine vulcanica e caratterizzata da una costa frastagliata e rocciosa, Gavi è priva di spiagge e ha solo due scali di approdo. Il panorama è unico, tra grotte e scogliere a picco sul mare. Se le immersioni sono la tua passione, qui troverai bellissimi fondali. Durante le escursioni via terra, invece, sarà l'inebriante profumo di lentisco e ginestra a farti compagnia.

Cosa fare: camminare nella natura sul sentiero che attraversa Punta Rossa e raggiungere via mare il grottone di Gavi.

Potresti essere interessato anche a:

Scopri la destinazione perfetta per te!

Registrati alla nostra newsletter

Ti invieremo le migliori offerte in anteprima ma anche promozioni esclusive, consigli di viaggio e aggiornamenti su dove puoi viaggiare.