Cerca

Quando andare a Zanzibar

Il periodo migliore per una vacanza a Zanzibar

Al largo delle coste tanzanesi, nell'Africa orientale, c'è l'arcipelago di Zanzibar. Sulle due isole principali, Unguja, detta anche Isola di Zanzibar, e Pemba, e sulle altre isole e isolotti minori, puoi trascorrere le giornate facendo immersioni tra le barriere coralline, navigando su un tradizionale dhow e assorbendo la cultura swahili.

  1. Il clima a Zanzibar durante l'anno
  2. Le spiagge più belle di Zanzibar
  3. Le altre isole dell'arcipelago
  4. Una giornata a Stone Town
  5. Gli eventi da non perdere

Ma qual è il periodo migliore per andare a Zanzibar, quello con il clima migliore e più favorevole? Abbiamo preparato per te questa breve guida, per darti indicazioni meteorologiche, ma anche cosa vedere di interessante, quali sono le spiagge più belle ed eventi e festività che non devi assolutamente perdere.

1. Il clima a Zanzibar durante l'anno

Le temperature di Zanzibar si aggirano in media tra i 28°C e i 34°C durante tutto l'arco dell'anno, ma probabilmente il periodo migliore per una vacanza piacevole corrisponde alla stagione secca, tra luglio e settembre. Ma vediamo insieme mese per mese che cosa succede in questo meraviglioso arcipelago. Gennaio e febbraio, per esempio, sono due mesi ottimi per visitare Zanzibar, perché le isole sono meno frequentate ma comunque soleggiate e calde, e il mare è limpido, perfetto per chi ama lo snorkeling e le immersioni. Da marzo a maggio, invece, il clima diventa gradualmente più umido, con lunghe piogge e frequenti acquazzoni, caratteristica che lo rende il periodo meno consigliato. Come dicevamo all'inizio, tra giugno e settembre abbiamo la stagione secca, il periodo perfetto non solo per godersi le bellissime spiagge tropicali, ma anche per fare escursioni e visitare la capitale Stone Town. C'è poi chi preferisce visitare Zanzibar nell'ultima parte dell'anno, tra ottobre e dicembre, quando il clima è comunque caldo, ma intervallato da piogge di breve durata e che possono costituire anche una piacevole pausa dall'afa.

Il consiglio in più: considera una vacanza in inverno, c'è meno folla e potrai comunque goderti il caldo.

2. Le spiagge più belle di Zanzibar

Distese di spiaggia bianca e soffice come borotalco, bagnate dall'Oceano Indiano, dalle acque limpide e cristalline, di fronte a barriere coralline di impareggiabile fascino. Ecco, queste sono le spiagge di Zanzibar in sintesi, e sceglierne una più bella dell'altra non è semplice. Dovrai visutarle tutte per capirlo, ma è un "sacrificio" a cui difficilmente ci si sottrae. Potresti iniziare dalla spiaggia di Bwejuu, situata sulla costa sudorientale dell'isola, fiancheggiata dalle palme e distante appena un'ora e mezza da Stone Town. Si tratta di una delle parti più tranquille dell'isola di Unguja, e se cerchi il relax totale, la pace e la privacy, è la meta che fa per te. Se invece sei in cerca di intrattenimento e magari di una vivace vita notturna, allora ti consigliamo la spiaggia di Nungwi, sulla costa nordoccidentale. Nungwi è una delle zone più vivaci dell'isola con tanti hotel, ristoranti e bar in cui le feste sono all'ordine del giorno e della notte. Oltre alle fantastiche barriere coralline sulla costa, poi, qui si vedono spesso delfini, tartarughe e, in alcuni periodi dell'anno, gli squali balena. Per i fan degli sport acquatici, infine, c'è la spiaggia di Paje, sulla costa sud-orientale, eccellente per fare kitesurf.

Il consiglio in più: molte spiagge risentono delle maree, un interessante fenomeno naturale a cui assistere.

3. Le altre isole dell'arcipelago

Come dicevamo all'inizio di questa guida, Zanzibar non è una sola isola, ma un arcipelago composto da due isole principali e tantissime isolette, meritevoli di una visita, perché ognuna ha le sue particolarità. Su Changuu Island, meglio nota come Prison Island perché in passato era utilizzata come prigione per gli schiavi, oggi puoi andare a trovare le tartarughe giganti nel loro habitat naturale. L'isola di Tumbatu, a nord-ovest di Unguja, ti darà l'ebbrezza dell'isola deserta e si raggiunge solo in barca. Situata a sud-ovest, c'è poi l'isola di Chumbe che ha il più grande parco corallino dell'arcipelago. A ovest di Pemba c'è poi l'isola di Misali, un luogo da espolare all'insegna dell'avventura, perfetta non solo per lo snorkeling, ma anche per praticare trekking all'interno della foresta che la ricopre e che è abitata dalle scimmie. Infine Pemba stessa, la seconda isola più grande dell'arcipelato di Zanzibar, è un'isola splendida ricca di luoghi di grande interesse. Manta Point, per esempio, è la cima di una montagna sottomarina, caratterizzata da formazioni coralline e dalla presenza delle mante, come dice il nome. Da visitare anche le rovine archeologiche di epoca Shirazi e l'incontaminata Riserva Forestale di Ngezi.

Il consiglio in più: non si sono vaccini obbligatori da fare prima di partire, ma consulta comunque il medico.

4. Una giornata a Stone Town

Stone Town è la capitale di Zanzibar, è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'Unesco ed è uno dei luoghi più affascinanti della Terra. Non visitarla è impossibile, quindi devi assolutamente includerla nel tuo elenco di cose da fare. Già solo camminare per le sue vie costituisce un'esperienza unica, con i suoi edifici eclettici, di origini indiane, persiane e arabe, e le porte di legno delle case, variamente decorate, a seconda dello status sociale del proprietario. Il Darajani Market, poi, è il mercato alimentare locale, ed è il luogo in cui, meglio che altrove, si conosce la vera essenza di un popolo. Storicamente interessante è la mostra dedicata del commercio degli schiavi all'interno della cattedrale anglicana, in cui sono visibili anche le prigioni sotterranee. È una testimonianza della storia dell'umanità da non dimenticare. Gran finale: vuoi non visitare la casa natale di Freddy Mercury? Qui a Stone Town ce ne sono parecchie che vantano i natali del famoso frontman dei Queen, la difficoltà sta nel trovare quella vera!

Il consiglio in più: per telefonare e navigare in rete ti consigliamo di prendere sim locali, più convenienti.

5. Gli eventi da non perdere

Zanzibar dona tante occasioni per immergerti nella cultura locale, e tutto l'anno è costellato da eventi e festività che ti permetteranno di scoprirla. La festa più sentita è probabilmente l'Eid-al-Fitr, che segna la fine del Ramadan, e a Stone Town dura per ben 4 giorni, tra concerti, giochi e naturalmente cibo di ogni genere. Tra fine giugno e inizio luglio è imperdibile lo Zanzibar International Film Festival, preceduto da una gara di dhaw, le tipiche imbarcazioni a vela tanzanesi. Il Festival è l'occasione perfetta per conoscere la filmografia indiana, africana e mediorientale, con tanto di premio finale, il Golden Dhaw. C'è poi il Full Moon Party, una festa all'insegna della musica africana che si celebra in occasione della luna piena, molto sentita dalla popolazione locale.

Il consiglio in più: il popolo di Zanzibar è molto osservante, rispettane le tradizioni e le usanze religiose.

Trova la destinazione perfetta per te!

bed
PREZZO MINIMO GARANTITO

Seleziona il tuo paese:

Seguici su:

Scarica la nostra app: